| HOME PAGE  |  HOME PAGE - ITA  | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  |   ADMA-ON-LINE  |  INFO VALDOCCO |

 
     Via Maria Ausiliatrice 32 - 10152 Torino-Valdocco   E-Mail: pcameroni@salesiani.it    ADMA Valdocco: adma.torino@tiscali.it  
      ADMAonLine                     Messaggio Mensile :    24 settembre 2011         

Con Maria forti e decisi

Rendiamo grazie allo Spirito Santo e a Maria per le meraviglie compiute in occasione del VI Congresso Internazionale di Maria Ausiliatrice (Czestochowa 3-6 agosto 2011), costatando che l'Associazione di Maria Ausiliatrice è una realtà viva e diffusa nel mondo, un'associazione "più giovanile e più salesiana" (don Chávez). L'ADMA si è riconfermata e rigenerata come espressione popolare del carisma salesiano, con l'impegno specifico di difendere e diffondere la fede tra il popolo di Dio, mediante la devozione a Maria Ausiliatrice e il culto alla S. Eucaristia, in particolare comunione con il Rettor Maggiore e in sintonia con le sue indicazioni, dando una testimonianza di fede forte in un tempo di prova per la Chiesa e di smarrimento per l'umanità.

Vorremmo invitare tutti i gruppi e soci ADMA a riprendere i testi e tutto il materiale raccolto e valorizzarlo nei cammini formativi (cfr www.admadonbosco.org).
Entro natale sarà pronto il DVD in 4 lingue (italiano, spagnolo, inglese e polacco) con i diversi contributi e video del Congresso. I consigli ispettoriali o nazionali dell'ADMA interessati segnalino quanto prima il numero delle copie desiderate e la lingua, scrivendo a adma@admadonbosco.org
Desideriamo in particolare accogliere e concretizzare le consegne fatte all'ADMA da parte del Rettor Maggiore:

1. PASTORALE GIOVANILE E PASTORALE FAMILIARE:

"Non si può portare avanti la pastorale giovanile se non è unita e aperta alla pastorale familiare. La presenza di famiglie e giovani coppie che, sotto la guida di Maria, condividono un cammino di vita, fatto di formazione, condivisione e preghiera è veramente un dono provvidenziale di Maria Ausiliatrice che si prende cura delle nuove generazioni". In particolare dal Congresso si è confermata la realtà dell'ADMA Giovanile. Si avverte la necessità di creare sempre più collegamenti e cammini condivisi tra i diversi gruppi diffusi nel mondo.

2. PREPARAZIONE ALLA CELEBRAZIONE DEL SECONDO BICENTENARIO DELLA NASCITA DI DON BOSCO NEL 2015:

"Chiedo all'ADMA di offrire a tutti i gruppi della Famiglia Salesiana spunti, orientamenti ed esperienze apostoliche con giovani per sottolineare la dimensione mariana della storia, della pedagogia, della spiritualità di don Bosco". In tale ottica, attraverso l'ADMAonline iniziamo con questo mese il cammino formativo che in questo anno ci presenterà "Maria Ausiliatrice nella vita e nella storia di Don Bosco".

3. GUIDA E ANIMAZIONE DEI GRUPPI LOCALI:

"Invito ad assumere uno spirito mariano di servizio, fatto di formazione, testimonianza e impegno". Ci impegniamo a curare la formazione e la vita dei Consigli locali, con un'attenzione speciale agli animatori spirituali SDB - FMA.
Nel sito (www.admadonbosco.org) troviamo gli orientamenti e gli impegni dell'ADMA per il 2011-2012.
Come Associazione di Maria Ausiliatrice vogliamo veramente vivere l'affidamento fatto, impegnandoci a concretizzare il nostro "sì", ad essere forti e decisi nel vivere gli impegni del battesimo: rinuncia a satana e fede in Dio. Combattiamo sotto lo stendardo di Maria per essere discepoli di Cristo Signore e apostoli del vangelo. La lotta contro il potere del maligno e contro l'egoismo esige un forte cammino di preghiera e un deciso impegno di rinuncia, di distacco, di digiuno, per essere docili all'azione dello Spirito e per seguire il piano di Maria. Siamo chiamati ad essere lievito e luce per le persone che sono lontane da Dio, dal suo amore e dalla sua conoscenza e con Maria ad essere più forti del male!

Sig. Lucca Tullio, Presidente
Don Pierluigi Cameroni SDB, Animatore spirituale


CAMMINO FORMATIVO 2011-2012

Alla luce della Strenna del Rettor Maggiore per l'anno 2012 che dice: "Il primo anno del triennio di preparazione al bicentenario della nascita di Don Bosco è tutto centrato sulla conoscenza della sua storia. Dobbiamo studiarlo e, attraverso le vicende della sua vita, dobbiamo conoscerlo come educatore e pastore, fondatore, guida, come legislatore. Si tratta di una conoscenza che conduce all'amore e all'imitazione". Come Associazione di Maria Ausiliatrice ci impegniamo ad approfondire il seguente tema: Maria Ausiliatrice nella vita e nella storia di Don Bosco

1. Maria Ausiliatrice e don Bosco (don Pierluigi Cameroni)

Dal punto di vista storico il titolo e la devozione all'Ausiliatrice nella vita di don Bosco si imposero in forma graduale. Alcuni indizi: la cappella con altare e statua dedicata all'Ausiliatrice nella chiesa di San Francesco di Paola a Torino, dove il Cafasso mandò don Bosco ad esercitare il suo primo ministero sacerdotale. In un calendario del 1848, appeso nella stanza di don Bosco, erano riprodotte 5 immagini della Vergine; una di essa portava la seguente scritta: "O Vergine Immacolata, tu che sola portasti vittoria di tutte le eresie vieni in nostro aiuto, noi di cuore ricorriamo a te: Auxilium Christianorum ora pro nobis". Ma è soprattutto nel clima che l'Italia vive tra gli anni 1848 e 1870 (presa di Roma) che don Bosco matura la devozione verso l'Ausiliatrice. Sono anni segnati da drammatici avvenimenti, che turbano profondamente l'animo di tanti cattolici: le leggi anticlericali, la diffusione del protestantesimo, la questione romana, l'assenza dei vescovi in molte diocesi. In tali difficoltà e prove la Chiesa si rivolge a Maria come Aiuto e Presidio.
In particolare nel maggio del 1862 don Bosco racconta il famoso sogno delle due colonne, dove viene descritta la lotta della chiesa nel mare del mondo e solo l'ancoraggio alle colonne dell'Immacolata - Ausiliatrice e dell'eucaristia è fonte di salvezza per la chiesa e per il papato. Altro fatto decisivo furono le apparizioni della Madonna a Spoleto, città situata nel centro Italia e appartenente allo Stato pontificio, che ebbero vasta eco e furono interpretate come segno del potente aiuto di Maria nelle vicende tormentose della chiesa in Italia. Dal Piemonte, allora lontano e diviso da barriere politiche, Don Bosco volse lo sguardo lungimirante alla Madonna della Stella che l'arcivescovo di Spoleto, Mons. Arnaldi, aveva battezzato con il glorioso titolo di Auxilium Christianorum l'8 maggio 1862. Don Bosco ne dava l'annuncio il 24 maggio 1862 nella "Buona notte", come si legge nelle Memorie Biografiche: "Don Bosco annunzia alla sera con grande contentezza la prodigiosa manifestazione di una immagine di Maria avvenuta nelle vicinanze di Spoleto". L'8 dicembre 1862 Don Bosco dichiara al chierico Cagliero, poi cardinale, il motivo della sua devozione alla Madonna sotto il titolo di Maria Ausiliatrice: "Sinora abbiamo celebrato con solennità e pompa la festa dell'Immacolata, ed in questo giorno si sono incominciate le prime opere degli Oratori Festivi. Ma la Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Maria Ausiliatrice: i tempi sono così tristi che abbiamo bisogno che la Vergine SS. ci aiuti a conservare la fede cristiana". Nella "Buona notte" dell'11 gennaio 1865, Don Bosco diceva: "a Spoleto l'immagine della Madonna fa continuamente strepitosi miracoli. E' singolare, formando quasi un acrostico, che si può far risultare da ciascuna lettera della parola latina SPOLETUM: S: sancta; P: parens; O: onnipotentis; L: legiferi; E: et; T: totius; U: universi; M: mater; ovvero: et tutrix universi Maria (Santa Genitrice dell'Onnipotente Legislatore e Madre di tutto l'Universo; ovvero Maria Tutrice dell'Universo). Ciò indica lo stesso titolo di Maria Auxilium Christianorum".
Don Bosco approdò pertanto definitivamente al culto di Maria Ausiliatrice nel 1862, anno in cui si avvierà anche la progettazione della chiesa di Maria Ausiliatrice. Commentando tale orientamento, don Egidio Viganò scriveva: "Questa rimarrà la scelta mariana definitiva: il punto di approdo di una incessante crescita vocazionale e il centro di espansione del suo carisma di Fondatore. Nell'Ausiliatrice don Bosco riconosce finalmente delineato il volto della Signora che ha dato inizio alla sua vocazione e ne è stata e ne sarà sempre l'Ispiratrice e la Maestra" (Maria rinnova la Famiglia salesiana p.17). Questo punto di arrivo è anche un punto di partenza: siamo negli ultimi 25 anni della vita di don Bosco; gli anni della sua piena maturità umana e spirituale; gli anni che coincidono con l'affermazione e la sistemazione definitiva della Congregazione, con la sua espansione mondiale e missionaria; gli anni in cui il santo di Valdocco si sente inserito nell'attualità, spesso drammatica, della chiesa e della nuova situazione italiana, come sacerdote e come educatore. Questo periodo è segnato dalla presenza sempre più viva e sperimentata di Maria come Ausiliatrice, dei singoli e della comunità cristiana.
Circa la consapevolezza teologica e storica dell'attualità del titolo di "Maria Auxilium christianorum" ci è di grande aiuto l'opuscolo "Maraviglie della Madre di Dio invocata sotto il titolo di Maria Ausiliatrice", del 1868, da cui riportiamo alcuni passaggi significativi: "Il titolo di Auxilium Christianorum attribuito all'augusta Madre del Salvatore non è cosa nuova nella Chiesa di Gesù Cristo. Negli stessi libri santi dell'antico testamento Maria è chiamata Regina che sta alla destra del suo Divin Figliuolo vestita in oro e circondata di varietà. Adstitit Regina a dextris tuis in vestitu deaurato, circumdata varietate: salmo 44. Questo manto indorato e circondato di varietà sono altrettante gemme e diamanti, ovvero titoli con cui si suole appellare Maria. Quando pertanto chiamiamo la Santa Vergine aiuto dei cristiani, non è altro che nominare un titolo speciale, che a Maria conviene come diamante sopra i suoi abiti indorati. In questo senso Maria fu salutata aiuto dei cristiani fino dai primi tempi del Cristianesimo.
Una ragione per altro tutta speciale per cui la Chiesa vuole negli ultimi tempi segnalare il titolo di Auxilium Christianorum è quello che adduce Monsignor Parisis colle parole seguenti: "Quasi sempre quando il genere umano si è trovato in crisi straordinarie, fu fatto degno, per uscirne, di riconoscere e benedire una nuova perfezione in questa ammirabile creatura, Maria SS. che quaggiù è il più magnifico riflesso delle perfezioni del Creatore" (Nicolas, pagina 121). Il bisogno oggi universalmente sentito di invocare Maria non è particolare, ma generale; non sono più tiepidi da infervorare, peccatori da convertire, innocenti da conservare. Queste cose sono sempre utili in ogni luogo, presso qualsiasi persona. Ma è la stessa Chiesa Cattolica che è assalita. È assalita nelle sue funzioni, nelle sacre sue istituzioni, nel suo Capo, nella sua dottrina, nella sua disciplina; è assalita come Chiesa Cattolica, come centro della verità, come maestra di tutti i fedeli. Ed è appunto per meritarsi una speciale protezione del Cielo che si ricorre a Maria, come Madre comune, come speciale ausiliatrice dei Re, e dei popoli cattolici, come cattolici di tutto il mondo!".
Poco più avanti nello stesso libretto Don Bosco attingendo a fonti autorevoli non esiterà a scrivere: "Un' esperienza di diciotto secoli ci fa vedere in modo luminosissimo che Maria ha continuato dal cielo e col più gran successo la missione di madre della Chiesa ed ausiliatrice dei cristiani che aveva incominciato sulla terra".
Siamo devoti a Maria Ausiliatrice! Facciamoci un vanto di professare una tale devozione! Faremo parte di quei cristiani veramente buoni previsti da Don Bosco. Il ricorso a Maria Ausiliatrice, scriveva nel 1887, va aumentando ogni dì tra il popolo fedele e porge motivo a pronunciare che "tempo verrà, in cui ogni buon cristiano, insieme con la devozione al SS. Sacramento e al Sacro Cuore di Gesù, si farà un vanto di professare una devozione tenerissima a Maria Ausiliatrice".
Concludiamo questa prima tappa del nostro cammino con questa significativa e accorata preghiera di San Giovanni Bosco all'Ausiliatrice:

O Maria Ausiliatrice, Madre benedetta del Salvatore,
validissimo è il tuo aiuto in favore dei cristiani.
Per te le eresie furono sconfitte e la Chiesa uscì vittoriosa da ogni insidia.
Per te le famiglie e i singoli furono liberati ed anche preservati dalle più gravi disgrazie.
Fa', o Maria, che sia sempre viva la mia fiducia in te,
affinché in ogni difficoltà possa anch'io sperimentare che tu sei veramente
il soccorso dei poveri, la difesa dei perseguitati, la salute degli infermi,
la consolazione degli afflitti, il rifugio dei peccatori e la perseveranza dei giusti.


Echi dal Congresso

Grazie mille per questi meravigliosi giorni in mezzo a voi. Il gruppo della Turchia è tornato a Istanbul veramente trasfigurato! Sono veramente felici per la partecipazione al Congresso; una vera opportunità per conoscere lo spirito salesiano e mariano della nostra Famiglia (Andres Calleja SDB - Direttore di Istanbul).

Grazie a Dio e all'Ausiliatrice, siamo tornati a casa molto contenti. Il Congresso è stato un successo e sono certa che tutti hanno ricevuto tante grazie spirituali da Gesù e Maria. Grazie mille per l'invito di partecipare nel congresso. E' stata un'esperienza speciale che noi dimentichiamo mai... Uniti nella preghiera (Madre Eugenia - Londra).

Ancora grazie per la meravigliosa esperienza fatta. Mi ha donato una crescita spirituale che custodirò giorno dopo giorno (Dino Zambiasi - ADMA Nave -Italia).

Mi felicito per l'esito del Congresso. Realmente è stato un gran Congresso, nel quale la Famiglia Salesiana è stata testimone e destinataria della missione dell'ADMA; dove la gioventù ha dato un nuovo volto all'ADMA; dove la convivenza di membri di 50 paesi ha reso evidente l'ecumenismo salesiano; dove Maria Ausiliatrice e don Bosco sono state stelle luminose, attraenti e generatrici di amore e di gioia; dove i nostri Superiori/e si sono impegnati al massimo; dove la preparazione e lo svolgimento, sia sotto l'aspetto materiale che culturale, sono stati ben curati… (Don Eleuterio Lobato - Animatore spirituale ADMA della Spagna).

Anche se non sono stata presente per la mia necessaria presenza in Portogallo, ho seguito con interesse e preghiera il Congresso. Ringrazio con voi il Signore e la Madonna per tanti doni ricevuti. Gli echi dalla Madre, sorelle e partecipanti sono bellissimi. Sono sicura che i frutti saranno ancora tanti… (Sr. Ma. Luisa Miranda L. FMA - Consigliera per la Famiglia Salesiana).

A me ha emozionato molto Madre Yvonne che è arrivata dopo la testimonianza della ragazza dei gruppi del pellegrinaggio polacco. Mi ha emozionato il suo abbraccio con quella ragazza: molto materna! In quel momento ha personificato per me la maternità di Maria nei nostri confronti. In questi giorni negli sguardi e negli abbracci delle persone sento molto questo essere vicini e fratelli perché legati dall'Amore della stessa Madre. Mi colpisce molto vedere qui la devozione dei pellegrini, degli anziani, dei ragazzi e delle famiglie. E' bello e consolante sapere che non siamo soli, che ogni 24 in tutto il mondo tante persone si riuniscono intorno a Maria. Non siamo solo chiusi nel nostro gruppo, oratorio…, ma c'è gente fuori che condivide la nostra stessa fede (Serena - ADMA giovanile Torino)).
Dobbiamo affidarci come Famiglia Salesiana a Gesù. Questo è il messaggio fondamentale del Congresso: totale affidamento a Maria; in questi giorni abbiamo dichiarato proprio questo: siamo tutti di Dio! (Edoardo - ADMA Giovanile Torino).

 CRONACA DI FAMIGLIA


LONDRA -

Domenica 22 maggio 2011 abbiamo celebrato la festa di Maria Ausiliatrice presso la Parrocchia S. Tommaso Moro in Londra. 14 sacerdoti hanno concelebrato l'eucaristia, presieduta dal nuovo ispettore salesiano d'Inghilterra, don Martin Coyle. Oltre 200 i partecipanti e 3 candidati, (Obanye Veronica, Ryan Phyllis e Woronyj Betty) sono stati accolti nell'associazione. Dopo la messa è seguita la processione con la statua dell'Ausiliatrice dalla parrocchia al convento delle suore orsoline di Malta (Madre Eugenia Pantallaresco).

LECCE (ITALIA) - NUOVO GRUPPO ADMA -

Dal settembre 2009 è iniziato un biennio di formazione di alcuni fedeli della Parrocchia San Domenico Savio di Lecce, desiderosi di conoscere l'identità dell'Associazione di Maria Ausiliatrice. Nell'ambiente dell'opera salesiana di Lecce, ove sorge l'unica basilica al mondo dedicata a San Domenico Savio, mancava un gruppo che in modo più diretto curasse la spiritualità mariana tipica dello stile salesiano. Fin dall'inizio del cammino, una ventina di aspiranti hanno manifestato una gioia incontenibile nel sentirsi personalmente chiamati dall'Ausiliatrice a condividere con gli altri gruppi della Famiglia Salesiana la missione giovanile. La formazione ha utilizzato i sussidi offerti dai Quaderni dell'ADMA e si è arricchita del forte clima spirituale creato attorno ai preparativi del Congresso mariano di Czestochowa. Il 24 maggio 2011, durante la celebrazione serale dell'Eucaristia presieduta dal direttore e parroco don Emidio Laterza e dal delegato della Famiglia Salesiana della Puglia don Tommaso De Mitri, ha avuto luogo la funzione dell'accoglienza dei soci con la rispettiva adesione e l'istituzione ufficiale del nuovo gruppo ADMA. La Basilica era gremita di persone della comunità parrocchiale che ha percepito nell'evento un segno di speranza e di incoraggiamento per affrontare la svolta missionaria e il rinnovato impegno giovanile avviati nella pastorale ecclesiale (don Tommaso De Mitri, Animatore spirituale locale e regionale dell'ADMA).

TORINO - FESTA DELL'AUSILIATRICE 2011 -

Come riflesso delle feste dell'Ausiliatrice celebrate in tutto il mondo, vedo e sento la solennità dell'Ausiliatrice a Torino-Valdocco, come specchio di gratitudine e di fede, vissuta con speciale intensità da tutti i membri della Famiglia Salesiana. Con gioia interiore ho condiviso con gli amici dell'ADMA Primaria un'esperienza di appartenenza e fraternità. Ho condiviso un significativo incontro con alcune giovani famiglie dell'ADMA, animate da don Roberto Carelli, da Tullio e Simonetta e ho potuto percepire il grande valore della partecipazione dei giovani. La riunione dell'ADMA in preparazione alla festa, così come il triduo, la veglia, la messa di mezzanotte mi hanno offerto l'opportunità di riflessione, di stimolo alla crescita quotidiana, di purificazione dell'anima e di preghiera. Vedo la stessa felicità nell'accorrere di tante persone alla Basilica dell'Ausiliatrice, sempre piena, lucente e magnificamente fiorita! Ho visto la fede di coloro che hanno partecipato alla Messa presieduta da Don Pascual e alla processione serale. Così felice e impegnata per essere più figlia, ringrazio "Colei che ha fatto tutto" e ringrazio tutti i suoi strumenti, fratelli e sorelle in Cristo. Grazie di cuore a Gesù che ci ha dato tanto! (Leda Souza - Brasile - traduttrice portoghese dell'ADMAonline).

BOGOTÀ (COLOMBIA) - INCONTRO GRUPPI ADMA ISPETTORIA -

Sabato 4 giugno 2011 presso il centro teologico salesiano di Bogotà si è svolto l'incontro con circa 100 soci dell'ADMA in rappresentanza degli oltre 600 soci da cui è costituita l'Ispettoria salesiana di Bogotà. L'occasione è stata offerta dalla presenza dell'animatore spirituale mondiale don Pierluigi Cameroni. La Presidente ispettoriale Sig.ra Maria del Pilar Lucas e l'animatore spirituale don Luis Mur hanno presentato le attività e il cammino degli oltre 40 gruppi. Don Cameroni ha illustrato il commento al Regolamento dell'Associazione, di cui è stata presentata una edizione in lingua spagnola. E' seguito un intenso scambio di esperienze, chiarimenti e suggerimenti. La gioia da parte di tutti ha caratterizzato questo incontro di formazione e di comunione, aiutando a rinnovare il senso e l'impegno di appartenenza all'ADMA sotto lo sguardo dell'Ausiliatrice.

BARCELLONA (SPAGNA) - PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DI MONSERRAT-

Sabato 11 giugno 2011 oltre 100 persone appartenenti ai gruppi ADMA di Barcellona-Sarriá, Barcellona-Rocafort y Badalona, sono salite in pellegrinaggio a Monserrat per ringraziare la Patrona della Catalogna per le grazie ricevute durante l'anno associativo 2010-2011. Durante la messa conventuale con i monaci la Presidente Mercé Brotons fece l'omaggio di un mazzo di fiori rosa e azzurri, i colori dell'Ausiliatrice. Successivamente la foto ricordo davanti all'immagine di don Bosco, posta nella piazza superiore della montagna a ricordo della visita del santo dei giovani a Barcellona nell'anno 1886. Il pranzo fraterno e i simpatici segnaposto hanno rallegrato una giornata indimenticabile (don Joan Faner, Animatore ispettoriale).

PIEMONTE - LOMBARDIA: INCONTRO GRUPPI ADMA -

Domenica 12 giugno 2011, solennità di Pentecoste, presso la comunità Shalom di Palazzolo sull'Oglio (BS) si è tenuto un grande incontro dei gruppi ADMA del Piemonte e della Lombardia. Hanno partecipato oltre 300 soci dell'ADMA del Piemonte, di Nave (BS), di Arese (MI), e i membri dell'ADMA Giovanile della comunità, che hanno portato la loro esperienza di vita e animato l'intera giornata. Di notevole impatto l'intervento della fondatrice, Sr. Rosalina Ravasio, che ha richiamato l'urgenza di ricuperare la dimensione del sacrificio e della fatica nell'opera educativa, collegando la sua riflessione al mistero della Pentecoste: lo Spirito è il frutto della redenzione ed è dato a noi per mezzo delle piaghe di Gesù. Ai momenti di festa e di convivialità si sono accompagnati l'adorazione e la celebrazione eucaristica, con una forte richiesta di invocazione allo Spirito per la guarigione e il rinnovamento delle famiglie. La gioia dell'esperienza condivisa ha voluto essere una preparazione al grande appuntamento del Congresso Internazionale di Czestochowa.

MURSKA SOBOTA (SLOVENIA) -

Il 23 giugno 2011 abbiamo proseguito il nostro programma di formazione: conoscenza del Regolamento; temi del congresso preparati da don Roberto Carelli, tradotti e distribuiti ai membri per approfondire il ruolo di Maria nella nostra vita; i messaggi mensili di don Pierluigi Cameroni sull'ADMA online. Con amore viviamo le feste mariane e gli atteggiamenti di Maria per diventare come Lei portatori di speranza ai giovani e alle nostre famiglie. Il 24 maggio 2011 nove soci hanno espresso la loro adesione all'ADMA durante la celebrazione liturgica presieduta dall'animatore spirituale nazionale don Tone Ciglar, SDB nel Duomo di di Murska Sobota. Dopo la funzione liturgica è seguita l'agape fraterna. Ora il numero dei soci dell'ADMA di Murska Sobota è salito a 128 (Sr. Bernarda Geric, FMA, animatrice spirituale).

GIAPPONE - LA RINASCITA DELL'ADMA -

Domenica, 17 luglio 2011 è stato un giorno di festa e di gioia nell'Ispettoria salesiana del Giappone: l'Associazione di Maria Ausiliatrice, che da decenni era priva di membri, ha visto 17 persone pronunciare il loro impegno. Un segno di speranza per il Giappone salesiano. La cerimonia, semplice ma molto partecipata, ha avuto luogo nella cappella della casa ispettoriale. Erano presenti anche due aspiranti e gli assistenti del gruppo, il salesiano don Mario Yamanouchi, vicario ispettoriale, e sr. Teresina Matsumoto, delle Figlie di Maria Ausiliatrice, che hanno seguito e guidato il gruppo per oltre un anno, attraverso degli incontri mensili ben preparati e una cura costante alle persone. La funzione é stata presieduta dall'Ispettore, don Aldo Cipriani, che sin dall'inizio del suo mandato, nel 2009, aveva invitato i confratelli e gli altri membri della Famiglia Salesiana a coltivare la spiritualità dell'ADMA, per poter così rifondare l'associazione in Giappone. Gruppi dell'associazione, infatti, erano presenti nel paese sin dalle prime fasi della missione in Giappone, ai tempi di mons. Cimatti. Per l'occasione Don Pascual Chávez, Rettor Maggiore, ha inviato un messaggio di felicitazione, nel quale ha anche ricordato che la fondazione del primo gruppo in Giappone "é un evento straordinario che riguarda tutta l'Associazione di Maria Ausiliatrice sparsa nel mondo e rappresenta un grande segno di speranza, in quanto la devozione a Maria Ausiliatrice, promossa dal nostro padre e fondatore, Don Bosco, ed elemento vitale del nostro carisma, ha trovato nell'Associazione una delle espressione più significative". Tra i 17 nuovi membri, 4 partecipato, assieme all'animatore don Yamanouchi, al VI Congresso Internazionale dell'ADMA, in programma dal 3 al 6 agosto a Czestochowa, Polonia. "La nostra speranza - ha affermato don Yamanouchi - è che questo gruppo sia solamente il primo di molti gruppi che nel futuro potranno nascere attorno alle opere salesiane del Giappone".

SICILIA - ESERCIZI SPIRITUALI -

Quest'anno, il consiglio regionale ADMA, sotto la guida degli animatori spirituali don Edoardo Cutuli e suor Carmelina Cappello, ha voluto proporre l'esperienza degli esercizi spirituali, che si sono svolti presso il santuario della Madonna di Gibilmanna, dal 8 al 10 luglio 2011. Il tema "Maria, Madre della speranza e guida della Famiglia Salesiana nel cammino verso la santità" è stato sviluppato in tre tappe. "Fate quello che egli vi dirà"; "Maria madre della speranza"; "Maria modello di santità". Hanno partecipato i centri di Canicattì, Calatabiano, Capaci, Catania Maria Ausiliatrice, Lercara Friddi, Marsala, Messina SS. Pietro e Paolo, Modica, Palermo e un gruppo di simpatizzanti provenienti da Siracusa. Ci ha guidato in questo cammino Padre Mario Gullo, sacerdote della diocesi di Acireale (Nerina Petitto).

ASSISI - ASSEMBLEA ISETTORIALE ITALIA CENTRALE -

In occasione di questo incontro, a cui hanno partecipato 270 persone delle diverse comunità della Circoscrizione, il Presidente Lucca Tullio con la moglie Simonetta e don Pierluigi hanno presentato la realtà dell'ADMA, con particolare attenzione alle famiglie giovani, e l'evento del Congresso. Vi è stato interesse e diversi salesiani hanno manifesto il desiderio di avviare l'ADMA nelle loro opere.


                                 INFO ADMA        -        INFO ADMA        -        INFO ADMA        -       INFO ADMA   

ADMA Primaria di Torino-Valdocco:

ADMA | Santuario di Maria Ausiliatrice | Via Maria Ausiliatrice 32 | 10152 Torino-Valdocco | ITALIA
Tel.: 0039-011-5224216 | Fax.: 0039-011-52224213 |
E-mail: adma.torino@tiscali.it 
                                   
 Presidente ADMA:
                                    Signor TULLIO LUCCA (incarico fino a 2014) -
E-mail: Tullio.Lucca@gmail.com
Animatore Spirituale ADMA:
Don Pier Luigi CAMERONI |Istituto Salesiano | Via S. G. Bosco 1 - 25075 NAVE - BS
TEL. 030-2530262 - FAX 030 - 2533190 | CELL. 3401452349 |
E-mail: pcameroni@salesiani.it
                                
Siti Internet:  www.donbosco-torino.it/ita/adma
                                                         www.admadonbosco.org


      | HOME PAGE |  HOME PAGE - ITA | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE |  ADMA-ON-LINE INFO VALDOCCO |


     Visita Nr.