| HOME PAGE  |  HOME PAGE - ITA  | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  |   ADMA-ON-LINE  |  INFO VALDOCCO |

 
     Via Maria Ausiliatrice 32 - 10152 Torino-Valdocco   E-Mail: pcameroni@salesiani.it    ADMA Valdocco: adma.torino@tiscali.it  

   ADMAonLine         Messaggio Mensile :    24 novembre 2009         |    Versione  T

      Maria ci benedice

La statua dorata di Maria Immacolata, collocata in cima alla cupola della Basilica di Torino e ritratta nell'atteggiamento benedicente, esprime molto bene la presenza di Maria nella nostra vita e il suo compito di Madre nel guidarci sulla strada che porta a Dio, sulla strada della santità e del paradiso.

L'Immacolata all'esterno e l'Ausiliatrice all'interno. Sono i due titoli con cui Don Bosco ha voluto onorare la Madonna, perché tutti e due hanno a che vedere con il suo carisma e la sua missione: la salvezza dei giovani attraverso un'educazione integrale che li prevenga da esperienze che possano mettere a rischio la loro salute fisica, la loro maturazione umana e la felicità eterna, facendoli crescere nel bene, convogliando tutte le loro energie verso tale meta.

Maria da Madre e Maestra ci guida e ci aiuta a crescere nel cammino di conversione e di salvezza. Soprattutto oggi la Madonna ci invita a non mollare in questo cammino, a non tornare indietro, a non stancarci, ma a perseverare con fiducia e fortezza. Il nostro è un tempo di grandi sbandamenti e di grande incredulità, di perdita del senso della vita. Il fatto è che le ricchezze e il piacere prendono facilmente nel cuore umano il posto di Dio e accecano e facilitano ogni vizio.

I beni di questa terra, non essendo un male per se stessi, non è il caso di disprezzarli, ma bisogna usarli bene. Non la mano, ma il cuore deve star lontano da essi. Si tratta di saperli utilizzare per il bene degli altri. Chi è ricco lo è per gli altri.

La vera novità della nostra vita è la conversione, è quando si scopre e si incontra Dio e ci si decide per Lui: il resto è roba vecchia! Il ruolo di Maria è quello di essere mediatrice tra noi e Gesù Cristo: ci prende per mano e ci guida dietro a Gesù Cristo. Maria è mediatrice nel cammino di santità. Maria è discepola del Signore e ha il compito di donarci Gesù e di portarci a Gesù.

In questo cammino di santità Maria ci offre e ci indica gli strumenti: la preghiera di cui Lei è grande maestra, esortandoci sempre alla preghiera come esperienza di Dio, come apertura del cuore a Dio; la mortificazione e il digiuno del cibo, della bocca, degli occhi come sacrificio che prepara a tante rinunzie e che ha come obiettivo la rinuncia al peccato e il decidersi per Dio; la fede, grande valore per il nostro tempo e da testimoniare con gioia. In fondo Maria ci aiuta a fare un cammino di verità e a riempire il nostro cuore di preghiera, un cuore libero, totalmente aperto a Dio. Che cosa c'è nel nostro cuore? C'è la fame di Dio? C'è la fame di conversione? C'è la fame di santità? Che cosa c'è nel nostro cuore?

Chiediamo a Maria Immacolata nella novena a Lei dedicata e tanto cara alla tradizione salesiana (29 novembre - 7 dicembre) la grazia di sentire l'amore preveniente di Dio che ci sceglie e ci invita a collaborare con Lui nell'opera della salvezza, e la grazia d'imparare a rispondere con la stessa fede che la portò ad incarnare il Figlio di Dio e donarlo al mondo. Maria Immacolata ci insegni la pedagogia divina, quella che portò Don Bosco a scoprire e valorizzare il Sistema Preventivo.                                                                           

                                                                                 Don Pier Luigi Cameroni, Animatore Spirituale

PREGHIAMO MARIA AUSILIATRICE


In occasione del 150° della nascita della Congregazione e della Famiglia Salesiana (18 dicembre 1859) e costatando come il seme è diventato un albero e l'albero un bosco, affidiamo alle mani di Maria Ausiliatrice il nostro impegno a crescere come "vasto movimento per la salvezza dei giovani". Maria ci aiuti a lavorare instancabilmente per l'instaurazione e la diffusione del Regno di Dio con la passione apostolica di don Bosco e delle prime generazioni. Il suo aiuto ci animi nel compito di essere cristiani impegnati nel nostro tempo.

O Maria Ausiliatrice, aiutaci ad essere fedeli al carisma suscitato dallo Spirito Santo in don Bosco, ravvivando in ogni membro della Famiglia Salesiana la passione del "Da mihi animas cetera tolle". Noi sperimentiamo la fatica e la debolezza nel vivere oggi la profezia di don Bosco: ottienici nuove forze e tenacia di volontà per continuare ad essere discepoli e testimoni fedeli e coraggiosi.

O Maria Ausiliatrice, incrementa la nostra carità! Don Bosco ti ha vista come la "Madonna dei tempi difficili" per la vita della Chiesa e dell'umanità. Risveglia in ognuno di noi l'amore e il senso di appartenenza alla Chiesa e la profezia di testimoniare la carità nella verità agli uomini del nostro tempo per un autentico sviluppo di tutta l'umanità.

O Maria Ausiliatrice, rendici coraggiosi difensori della vita e della famiglia e promotori della dignità della vita umana dal concepimento al termine. Le famiglie, come la casa di Nazareth, siano vere "chiese domestiche" in cui si annuncia e si celebra il vangelo della vita e dell'amore e si trasmette la fede alle nuove generazioni.

O Maria Ausiliatrice, suscita molte e sante vocazioni. Vogliamo pregare, soprattutto attraverso l'adorazione eucaristica e il santo rosario, il Padrone della messe perché mandi operai nella sua messe. Vogliamo promuovere con ogni mezzo possibile la chiamata che Dio rivolge a tanti giovani affinché pongano definitivamente la loro vita al servizio del vangelo e della Chiesa.

O Maria Ausiliatrice, formaci ad essere annunciatori del vangelo di Gesù Cristo, con il nostro lavoro umile e semplice, attraverso la promozione della devozione a te e l'amore al tuo Figlio realmente presente nella santa Eucaristia, e attraverso la testimonianza di comunità e gruppi che vivono lo spirito di famiglia e la solidarietà verso il prossimo.

INTENZIONI APOSTOLATO DELLA PREGHIERA - DICEMBRE 2009



Generale: Perché i bambini siano rispettati e amati e mai siano vittime di sfruttamento nelle sue varie forme.
Missionaria: Perché a Natale i popoli della terra riconoscano nel Verbo Incarnato la luce che illumina ogni uomo e le Nazioni aprano le porte a Cristo, Salvatore del mondo.
Dei vescovi: Perché la Famiglia di Nazareth dia luce e forza ai genitori e così possano svolgere con frutto il loro compito peculiare verso i figli.
Mariana: Perché la missione materna di Maria susciti in noi una filiale fiducia in Lei.

SCINTILLE DI LUCE


Riportiamo ancora alcune testimonianze delle 13 coppie giovani che hanno fatto la Promessa - ADMA domenica 4 ottobre nella Basilica di Maria Ausiliatrice a Torino-Valdocco (cfr. Cronaca del mese di ottobre)

Domenica è stata una giornata arricchente ed emozionante, ma anche carica di stimoli ad una responsabilità maggiore: prendere più seriamente il nostro essere cristiani, il nostro cammino di conversione, come risposta al Signore che ci ama e ci vuole realizzati e poter essere testimoni credibili del suo Amore verso le persone che incontriamo. Alcuni dubbi, timori, sono emersi prima di fare la Promessa: "Saremo all'altezza o no ? E dopo cosa succederà...?".

Poi abbiamo capito che quando si sceglie Gesù e Maria non si deve aver paura di niente e che la "Promessa", più che qualcosa che parte da noi dobbiamo accoglierla come una chiamata, come un dono di Dio che ci affida a sua Mamma per proteggerci e sorreggerci nelle prove della vita. A noi la libertà di dire questo "sì", di scegliere Maria come guida e Maestra, perché ci insegni ad essere veri discepoli e ci indichi il sentiero più breve per arrivare a Gesù. Per noi la Promessa è stato anche un modo per ringraziare Maria per tutte le grazie che riceviamo attraverso la sua intercessione. Una delle tante grazie è quella di aver incontrato Salesiani che si prendono a cuore le famiglie aiutando a maturare umanamente e cristianamente!
                                                                                                  Valentina e Paolo

Quando ci siamo sposati, non conoscevamo molto Maria, ma ci siamo sposati in una chiesa a Lei intitolata, sotto il titolo di Madonna di Pompei, e abbiamo scelto come vangelo del matrimonio il testo del "Magnificat". Era un modo per esprimere a Dio la riconoscenza per la vocazione che ci dava di iniziare a vivere insieme quel giorno, con le parole della Benedetta. In seguito, dapprima Maria in modo discreto ci ha avvicinato a Gesù, donando benedizioni e tante grazie alla nostra famiglia. Tramite sacerdoti davvero suoi, ci ha fatto vivere la vita cristiana in un cammino di fede, le Famiglie Santa Chiara, che cercano di mettere al primo posto il regno di Dio e la sua giustizia. Davvero tutto il resto ci è stato dato in abbondanza: i 7 figli, l'aiuto per crescerli, un tenero e profondo amore reciproco come sposi e soprattutto i mezzi per vivere la fede nella vita di tutti i giorni, tramite i sacramenti e la preghiera. Maria ha messo davanti Gesù, e solo dopo si è mostrata anche quale Madre nostra e vera autrice di tanti regali: momenti importanti il pellegrinaggio a Medjugorje e l'affidamento nostro a lei. Da allora "l'abbiamo presa nella nostra casa" e lei ci ha benedetti, e anche nei momenti di difficoltà non ha ci ha fatto mancare mai il suo aiuto. Ora la promessa ADMA è per noi il modo di ringraziarla e metterci a sua disposizione. E' stata una scelta "facile" e condivisa sia tra noi sia col nostro padre spirituale. Se Maria vorrà, potrà così servirsi di noi per aiutare altre famiglie a vivere la fede nell'amore a Gesù Eucaristia e sotto la sua materna protezione! Anche don Bosco, che per tanti anni ci ha seguito tramite i suoi sacerdoti, è stato sicuramente molto contento del fatto che il 4 ottobre siamo entrati nella sua Famiglia Salesiana, nel posto che ci preparava da tempo!
                                                                                                            Ada e Andrea

"I due saranno una sola carne". Il fare insieme la promessa ADMA è un passo in più verso l'essere una cosa sola. Maria sigilla e guida questa unione, ci sprona, ci porta a Gesù e insieme possiamo camminare nel mondo seguendolo e imitandolo con quella saggezza e semplicità che solo una Madre può insegnare.
                                                                                                            Rosanna e Daniele

CRONACA DI FAMIGLIA


MARTINA FRANCA (TARANTO - ITALIA)



Dopo anni di impegno assiduo e continuo, grazie alla guida e all'animazione di Sr. Carmela Marangi, FMA, il giorno 21 maggio 2009 14 persone hanno fatto la loro promessa nell'Associazione di Maria Ausiliatrice. Il cammino di preparazione è stato svolto attraverso incontri mensili pregando e contemplando la Parola del Signore e nella crescita nella devozione a Maria, ottenendo il grande dono di cuori pieni di letizia da donare a tutti coloro che Gesù pone sulla nostra strada. In primo luogo hanno gioito le nostre famiglie, perché nostro fine è calcare le orme di Maria, belle e immacolate nell'anima per essere più dolci e comprensive nell'affrontare la quotidianità; inoltre essere più aperte anche verso il prossimo, impegnandoci ad essere il profumo di Maria, affinché attraverso Lei le nostre umili preghiere possano toccare il cuore di Gesù (Galatone Immacolata).

CAMPINAS - BRASILE - PRIMO CONGRESSO DI MARIA AUSILIATRICE



Il 12 settembre 2009, con la presenza di circa 300 partecipanti provenienti da varie città della regione di São Paulo e promosso dall'ADMA, abbiamo avuto nella città di Campinas SP il 1° Congresso Ispettoriale di Maria Ausiliatrice. Il Congresso ha avuto luogo nella parrocchia di Maria Ausiliatrice e nell'auditorio messo a disposizione dal centro culturale della scuola. Il Congresso é stato inaugurato con una fraterna accoglienza e con il momento iniziale di preghiera animato dal gruppo ADMA di Lorena SP.

Poco prima dell'inizio dei lavori abbiamo avuto l'onore della visita di Mons. Bruno Gamberini, arcivescovo di Campinas SP, il quale ha dato il benvenuto a tutti i partecipanti. Alle ore 9.00 il vescovo emerito di Tubarão SC, Mons. Hilario Moser, SDB ha iniziato la conferenza sul tema "Maria, Madre e Ausiliatrice della Chiesa", affermando: Maria è la speranza per la nuova creazione; segni di vita per un mondo nuovo: non si ubbidisce più alle forze della carne ma alle forze dello Spirito Santo; sostegni per questo mondo nuovo: Gesù e Maria, che ha svolto il ruolo di educatrice di Gesù Cristo.

Dopo la pausa, Don Edson Donizetti Castilho, SDB ha svolto la seconda conferenza dal tema "Maria, Madre e Maestra nella vita di don Bosco", mettendo in rilievo 4 aspetti: il sogno di Don Bosco delle "Due colonne"; l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice; la Basilica di Maria Ausiliatrice in Torino-Valdocco; l'Associazione di Maria Ausiliatrice. Don Edson ha parlato delle iniziative di Don Bosco che aveva chiara coscienza di due realtà: il supremo gesto redentore di Cristo, espressione della Divina Misericordia, manifestata nella scelta per i giovani poveri; l'attiva e decisiva partecipazione di Maria al progetto redentore del Padre e ispiratrice dell'opera di Don Bosco.

Successivamente abbiamo avuto l'Adorazione Eucaristica con la recita del santo Rosario, organizzati dal Gruppo del Liceo Sacro Cuore di Gesù della città di São Paulo. Nel pomeriggio i partecipanti si sono divisi in vari gruppi per discutere le modalità per poter propagare la devozione a Maria Ausiliatrice e per condividere le esperienze già in atto. Alla fine ogni gruppo ha presentato le proprie conclusioni.

La Celebrazione Eucaristica è stata presieduta da Don Marco Biaggi, Ispettore Salesiano di São Paulo e concelebrata da Don Vicente de Paulo Moretti Guedes, SDB parroco della parrocchia Maria Ausiliatrice di Campinas e Animatore ispettoriale dell'ADMA. Durante l'omelia Don Marco Biaggi ha letto il messaggio inviato da Don Pier Luigi Cameroni, Animatore spirituale mondiale dell'ADMA, come segno di partecipazione al Congresso. Da tutto questo abbiamo potuto costatare che il grande esito dell'evento è stato dovuto a Maria, "che ha fatto tutto!" (Leda Souza).

SICILIA - INCONTRO CONSIGLI ADMA



Dal 9 all'11 di ottobre l'Animatore spirituale don Pier Luigi Cameroni è stato in Sicilia su invito del Consiglio Regionale dell'ADMA presieduto dalla Sig.ra Luigina Ciaramella e animato da Sr. Carmela Cappello FMA e da don Edoardo Cutuli SDB. Sono stati giorni di grazia speciale e di fraterna comunione con tante persone e gruppi nel segno di Maria e di "sorprese" nel vedere come Maria Ausiliatrice sostiene e accompagna la sua Associazione. La sera del venerdì 9 il primo incontro si è svolto a Barcellona Pozzo di Gotto con vari membri dei gruppi della Famiglia Salesiana. E' stato presentato il tema "Maria Ausiliatrice, Madre della Famiglia Salesiana": una maternità che ci appassiona al "Da mihi animas cetera tolle", ci impegna nella spiritualità di comunione e ci stimola a fare nostri i suoi atteggiamenti evangelici. Imitare Maria vuol dire coltivare nella propria famiglia e in oratorio un ambiente cristiano di accoglienza e solidarietà, vivendo la spiritualità con atteggiamenti evangelici mariani: l'obbedienza alla volontà di Dio; il ringraziamento a Dio per le meraviglie che compie ogni giorno nella nostra vita; la fedeltà a Lui soprattutto nei momenti di difficoltà e di prova. In tale circostanza si è vista anche la possibilità e l'opportunità di avviare un gruppo locale dell'ADMA. Nella mattinata di sabato 10, dopo una breve ma significativa visita ai luoghi santificati dalla Beata Maddalena Morano ad Alì Terme, un momento forte della giornata è stato l'incontro con l'ADMA diocesana di Adrano (Catania).

Si tratta di un gruppo molto singolare: infatti ad Adrano si trova l'unico santuario di Maria Ausiliatrice della Sicilia. Il gruppo è composto da oltre 120 soci ed animato con grande passione apostolica dal sacerdote diocesano Padre Salvatore Stimoli, attraverso un intenso cammino di catechesi, di preghiera eucaristica e mariana. Nella serata c'è stato l'incontro con i gruppi ADMA di Calatabiano e di Taormina. A Calatabiano il gruppo vede anche la partecipazione e l'animazione del parroco diocesano don Sebastiano Leotta, mentre quello di Taormina ha un valido animatore nel Sig. Giuseppe Auteri. La giornata di domenica 11 ottobre si è svolta presso la Parrocchia dei Santi Pietro e Paolo a Messina. Anche qui un luogo singolare segnato dalla presenza delle Figlie Maria Ausiliatrice che vi operarono negli anni successivi al terremoto del 1908 e dove da alcuni anni è presente un gruppo dell'ADMA sotto la guida del Parroco don Franco Arena.

La sorpresa è stato l'incontro con oltre 20 giovani dell'ADMA giovanile animati dal Sig. Nicola, ulteriore segno di speranza e di rinnovamento dell'Associazione. Nell'incontro annuale dei Consigli locali dell'ADMA della Sicilia don Pier Luigi ha svolto il tema "Maria madre e aiuto dei sacerdoti" e ha offerto alcuni orientamenti e linee operative dell'Associazione. A fine mattinata ha avuto luogo la solenne concelebrazione con tutta la comunità parrocchiale. Nel pomeriggio l'incontro si è concluso presso il Santuario di Montalto che domina tutta la città e lo stretto di Messina: un forte momento di affidamento a Maria e di fraterna comunione spirituale. Il vedere Gruppi diocesani dell'ADMA vivi e ben animati da sacerdoti diocesani, l'incontro con il gruppo giovanile dell'ADMA nella parrocchia diocesana di SS. Pietro e Paolo a Messina, la visita al santuario di Maria Ausiliatrice di Adrano, l'impegno apostolico di tanti soci ed animatori spirituali sono davvero segni di speranza e meritevole riconoscimento all'ADMA della Sicilia. Rendiamo grazie di questa vita che c'è e cresciamo nella comunione!

PANAMA- 3° CONGRESSO ADMA CENTRO AMERICA



Dal 28 al 31 ottobre a Panamá si è svolto il 3° Congresso Centro Americano ADMA con la partecipazione di circa 150 persone in rappresentanza dei diversi gruppi presenti nei sei stati nei quali è presente l'ispettoria salesiana del Centro America: Costa Rica, Guatemala, Honduras, El Salvador, Panamá, Nicaragua. Il tema del Congresso "Come Maria, evangelizzatori nello stile di don Bosco, uniti per fare il bene" è stato svolto attraverso tre relazioni molto ricche e animate: Suor Mariela Robleto, FMA, ha trattato il tema: "Maria, donna fedele e impegnata nel nostro cammino cristiano", il Padre Carlos Vilanova "Maria, alla scuola di don Bosco ci educa alla conversione del cuore", infine il Padre Alejandro Hernández "La missione dell'ADMA all'interno della Famiglia Salesiana".

Il Congresso ha visto la partecipazione del Vicario ispettoriale e Incaricato della Famiglia Salesiana don Alejandro Hernández, dei salesiani Animatori spirituali ADMA delle diverse nazioni, dell'Animatore mondiale don Pier Luigi Cameroni, accompagnato da una giovane coppia, Conti Alessandro e Laura. Il coordinamento e la guida dei lavori sono stati curati in modo eccellente dal gruppo ADMA di Panamá sotto la guida dell'animatore Padre Carlos Vilanova, della Presidente Sig.ra Rosalía de Richa e della Coordinatrice del Congresso Sig.ra Xiomara Meneses. Il Padre ispettore don Luis Corral ha portato il suo saluto e ha presieduto l'Eucaristia del giorno 30.

Il Rettor Maggiore ha inviato un particolare messaggio nel quale tra l'altro sottolineava: "In quest'anno in cui si commemora il 150° della nascita della Congregazione Salesiana (18 dicembre 1859) è bello e carismatico ricordare che già nello storico verbale nel quale si sancisce la nascita della Congregazione non è presente solo il seme della congregazione religiosa, ma anche quello dell'intera Famiglia Salesiana. A distanza di 150 anni questo diventa per tutti gruppi della Famiglia Salesiana stimolo "ad acquisire una nuova mentalità, a cambiare il paradigma, a pensarsi ed agire sempre come Movimento".

Un cambio che significa tre cose: "intenso spirito di comunione", "unione di cuori," e "unità di intenti" con matura capacità di lavorare in rete. Già vivente Don Bosco il seme aveva germinato in maniera feconda, dando origine ai primi rami del grande albero della sua "famiglia". Questa crescita veniva accompagnata, secondo il suo pensiero, dall'aiuto costante di Maria Ausiliatrice. "La Madonna ha fatto tutto", usava ripetere. Per tenere viva l'attenzione a Lei, Don Bosco volle attivare l'Associazione dei Devoti di Maria Ausiliatrice, un altro gruppo di famiglia che ha grande diffusione nel mondo".

L'animatore mondiale don Pierluigi Cameroni nelle due "Buone notti", ha sottolineato il valore di appartenere ad un'Associazione diffusa in tutto il mondo e ha invitato a condividere i comuni cammini di formazione e di comunicazione valorizzando ADMAonline e i vari contributi proposti, oltre che a indicare le linee comuni a tutta l'Associazione per il prossimo 2010, con una particolare attenzione a coinvolgere le famiglie giovani e i giovani stessi nel cammino associativo.

Ogni giornata, oltre alle relazioni e ai lavori di gruppo, si è caratterizzata per celebrazioni liturgiche e momenti di preghiera eucaristica e mariana particolarmente preparati e partecipati. Non potevano mancare le espressioni tipiche della festa e della gioia salesiana vissute all'insegna del folclore indigeno e latino-americano. Una particolare presenza è stata quello del Padre Juan Tardivo di 95 anni, fondatore dell'ADMA in terra salvadoregna e testimone di un'autentica vita salesiana: nella sua famiglia ci sono ben 6 salesiani, di cui quattro ancora vivi!

Nelle conclusioni i Congressisti si sono assunti i seguenti impegni:

* Approfondire l'incontro con la Sacra Scrittura attraverso la Lectio divina, sull'esempio di Maria, donna dell'ascolto e della preghiera, per rendere più autentico il nostro amore all'Eucaristia e viva la nostra appartenenza alla Chiesa.
* Guardare ai giovani come faceva don Bosco: avvicinarli, conoscerli, amarli, accettarli come sono. In particolare impegnarsi a coinvolgere nel cammino ADMA le famiglie e le coppie giovani.
* Lavorare in sintonia con gli altri gruppi della Famiglia Salesiana: essere promotori nella Chiesa e tra i giovani di una devozione attraente e solida verso Maria, madre dei discepoli.
* Necessità di una formazione che aiuti a rispondere adeguatamente alle sfide di una devozione mariana nel momento presente.
* Conoscere meglio il Regolamento ADMA e fare delle nostre "Strutture" organizzative (consigli locali e nazionali), nuclei animatori della vita della nostra Associazione a beneficio della missione che ci è stata affidata. Per questo si auspica una struttura di Coordinamento a livello ispettoriale.
Nessuna di queste linee potrà raggiungersi senza un vero impegno di ogni membro, che conosca e approfondisca in forma esperienziale la Promessa e il Regolamento dell'Associazione.
La giornata di sabato 31 è stata dedicata alla visita della città di Panamá, in particolare alla grande basilica minore dedicata a don Bosco, grande centro di devozione al santo dei giovani. Nella serata conclusiva, caratterizzata da una ricca esibizione di musiche e balli panamensi e dai fuochi di artificio, si è espressa la gratitudine per la forte esperienza condivisa e per tutte le persone che l'hanno resa possibile e l'hanno animata. Ci siamo salutati dandoci appuntamento al prossimo Congresso fissato per il 2012 in Honduras.

MEMORIA DEL PADRE BARTOMEU MOLL


Il giorno 24 ottobre, commemorazione mensile di Maria Ausiliatrice, ha terminato il suo pellegrinaggio terreno ed è entrato nel "giardino salesiano" il caro padre Bartomeu Moll, Animatore spirituale ADMA dell'Ispettoria di Barcellona (Spagna). Un forte senso di ringraziamento al Signore e a Maria Ausiliatrice sale dai nostri cuori per la testimonianza sacerdotale e l'impegno di animazione dell'ADMA di questo nostro fratello, mentre lo affidiamo nella preghiera di suffragio alla misericordia di Dio nostro Padre, insieme a tutti i nostri fratelli e sorelle che particolarmente ricordiamo in questo mese di novembre.


             INFO ADMA   -   INFO ADMA   -   INFO ADMA   -   INFO ADMA    -   INFO ADMA   -   INFO ADMA    - 

ADMA Primaria di Torino-Valdocco:

ADMA | Santuario di Maria Ausiliatrice | Via Maria Ausiliatrice 32 | 10152 TORINO-VALDOCCO | ITALIA
Tel.: 0039-011-5224216 | Fax.: 0039-011-52224213 |
E-mail: adma.torino@tiscali.it 
                     
 Presidente ADMA:
                      Signora CHIOSSO GIUSEPPINA (incarico fino a 2010) -
E-mail: giusy.chiosso@yahoo.it
Animatore Spirituale ADMA:
Don Pier Luigi CAMERONI |Istituto Salesiano | Via S. G. Bosco 1 - 25075 NAVE - BS
TEL. 030-2530262 - FAX 030 - 2533190 | CELL. 3401452349 |
E-mail: pcameroni@salesiani.it
                                
Sito Internet:  www.donbosco-torino.it/ita/adma


      | HOME PAGE |  HOME PAGE - ITA | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE |  ADMA-ON-LINE INFO VALDOCCO |


        Visita Nr.