| HOME PAGE  |  HOME PAGE - ITA  | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUS.  |   ADMA-ON-LINE  |  INFO VALDOCCO |
 
Via Maria Ausiliatrice 32 - 10152 Torino-Valdocco E-Mail: pcameroni@salesiani.it  ADMA Valdocco: adma.torino@tiscali.it  

     ADMAonLine          Messaggio Mensile:    24 gennaio 2009        |          Versione  T

      Maria, madre e aiuto della Famiglia Salesiana

All'inizio di questo nuovo anno contempliamo Maria che ci dona Gesù come unico Salvatore. Ci abbandoniamo fiduciosi nelle mani di Gesù affinché la sua benedizione accompagni il nostro cammino e renda fruttuoso ogni nostro proposito e impegno di bene. "Senza di me non potete fare nulla": il tempo che Dio ci dona è carico di futuro e di speranza se lo viviamo radicati e fondati nella fede in Lui.
La strenna che il Rettor Maggiore ci consegna in questo 2009 ci stimola e ci impegna a vivere e crescere come Famiglia Salesiana, Movimento apostolico impegnato per la salvezza dei giovani. Nel messaggio riportato dal Bollettino Salesiano per il mese di gennaio don Pascual Chávez ci scrive: "In questo modo diam principio ad una grande opera… chi sa che non sia questa partenza e questo poco come un seme da cui abbia a sorgere una grande pianta... che a poco a poco vada espandendosi, e non sia per fare un gran bene (MB XI 385). Sono alcune delle parole che Don Bosco rivolse ai primi missionari in partenza per l'Argentina l'11 novembre 1875. Erano i suoi ex ragazzi che partivano, i più disponibili, i più generosi; quelli che aveva curato con grande amore e formato perché fossero animatori ed educatori dei compagni. Erano i primi germogli nati dal cuore di Don Bosco, seme capace di generare un grande albero: la Famiglia Salesiana, vasto movimento di persone orientato da uno stesso dinamismo pastorale e apostolico: la missione giovanile non solo a Valdocco ma anche in terre lontane. Sì, il seme ha germogliato con grande fecondità, il bene si è moltiplicato e ha avuto una grande espansione: la Famiglia Salesiana è cresciuta come un grande albero, moltiplicando i suoi rami. Questa crescita veniva accompagnata, secondo il suo pensiero, dall'aiuto costante di Maria Ausiliatrice. "La Madonna ha fatto tutto", usava ripetere. Per tenere viva l'attenzione a Lei, Don Bosco volle attivare l'Associazione dei Devoti di Maria Ausiliatrice, un altro gruppo di famiglia che ha grande diffusione nel mondo".
Lo Spirito che ci deve animare è quello della comunione che fa dei diversi gruppi e membri della Famiglia Salesiana un solo corpo. "Molte sono le membra, ma uno solo è il corpo" (1Cor 12,20) ci ricorda san Paolo: doni diversi che devono armonizzarsi e crescere in forma complementare. Rami, fiori, foglie e frutti della stessa pianta, finalizzati al bene della gioventù. Attraverso la partecipazione al carisma salesiano, vissuto in una pluralità di forme e sati di vita, siamo tutti chiamati a costruire il Corpo di Cristo che è la Chiesa. Tutto questo ci impegna a rispettare e stimare i vari doni che lo Spirito Santo ha suscitato nella Famiglia Salesiana, a dilatare il cuore sulla ricchezza di grazia che ha elargito nei singoli gruppi e soprattutto a sentirsi parte viva di un unico corpo, rendendoci disponibili e utili nel migliore dei modi là dove il Signore ci ha posto. Maria Ausiliatrice ci doni quell'amore per ogni fratello e sorella di ogni gruppo della Famiglia Salesiana che ci fa sentire membra dello stesso corpo e chiamati a realizzare la medesima missione.
                                                         
 Don Pier Luigi Cameroni, Animatore spirituale


PREGHIAMO MARIA AUSILIATRICE E DON BOSCO




Preghiera a Maria Ausiliatrice,
Madre della Famiglia Salesiana

O Maria, Madre di Dio e Madre della Chiesa,
noi crediamo che tu occupi un posto singolare
nella storia della salvezza
e che sei la maestra
e la guida della nostra Famiglia.
Con gioia contempliamo e vogliamo imitare
la tua fede e la tua disponibilità al Signore
e al suo progetto d'amore,
la tua riconoscenza
per le grandi cose operate dal Padre,
la tua carità apostolica
e la tua fedeltà nell'ora della croce.
Ci affidiamo a te con amore di figli:
Immacolata, tu ci educhi alla pienezza
del dono di noi stessi,
Ausiliatrice, tu ci infondi coraggio
e fiducia nel servizio del Popolo di Dio.
Ti preghiamo, o Vergine Santa,
di continuare la tua protezione
su ciascuno di noi, sui singoli Gruppi
nati dal carisma di Don Bosco,
sull'intera Famiglia Salesiana
e sui giovani che tu ci affidi.
Amen.

(Dalla Carta di Comunione della Famiglia Salesiana)


Preghiera della Famiglia Salesiana a San Giovanni Bosco

Padre e maestro della gioventù,
San Giovanni Bosco,
che, docile ai doni dello Spirito Santo,
legasti alla Famiglia Salesiana
il tesoro della tua predilezione
per "i piccoli e i poveri",
insegnaci ad essere ogni giorno per essi
segni e portatori dell'amore di Dio,
coltivando nel nostro animo
gli stessi sentimenti di Cristo
Buon Pastore.
Chiedi per tutti i membri della tua Famiglia
un cuore pieno di bontà,
costanza nel lavoro,
sapienza nel discernimento,
coraggio per testimoniare il senso di Chiesa
e generosità missionaria.
Ottieni dal Signore per noi
la grazia di essere fedeli
all'alleanza speciale
che il Signore ha fatto con noi,
e fa che, guidati da Maria,
percorriamo con gioia,
insieme ai giovani,
il cammino che conduce all'amore.
Amen.
(Don Egidio Viganò)

INTENZIONI APOSTOLATO DELLA PREGHIERA - FEBBRAIO 2009


Generale: Perché i Pastori della Chiesa siano sempre docili all'azione dello Spirito Santo nel loro insegnamento e nel loro servizio al popolo di Dio.
Missionaria: Perché la Chiesa in Africa trovi vie e mezzi adeguati per promuovere in modo efficace la riconciliazione, la giustizia e la pace, secondo le indicazioni della II Assemblea Speciale per l'Africa del Sinodo dei Vescovi.
Dei vescovi: Tutti gli uomini possano sentirsi figli di un unico Padre, affinché sia rimosso ogni ostacolo sulla via che porta alla fraternità e alla pace tra i popoli.
Mariana: Perché la Vergine sia contemplata quale aurora del tempo salvifico e colei che prepara il cuore dei figli alla pienezza della Cena pasquale del Figlio.

TESTIMONI



Il sogno delle due colonne | Stabilità e fondamento

In questo mese, dedicato a San Giovanni Bosco, Padre e maestro dei giovani (ricordiamo la novena dal 22 al 30 gennaio), ci è gradito presentare un interessante lavoro di don Carlo Zanotti, salesiano e maestro dei novizi a Pinerolo (Torino). Don Carlo ha elaborato un libretto di commento al famoso sogno di don Bosco, presentandolo come proposta per un cammino di vita cristiana. Lo consigliamo a tutti i nostri gruppi e membri dell'ADMA, come strumento di formazione che ci ripropone lo scopo fondamentale dell'Associazione di Maria Ausiliatrice: il culto eucaristico e la devozione all'Ausiliatrice.
Questo sogno vuole trasmettere un messaggio di vita e di stabilità. È questo il desiderio e l'augurio più grande nei confronti dei giovani e di ogni persona: una vita stabile in Dio, ancorata solidamente in Lui, dunque gioiosa e felice. Una vita sicura, coraggiosa, orgogliosamente vivace e capace di affrontare decisamente ogni situazione. Pertanto ecco questo suggerimento di don Bosco: il sogno delle due colonne. Un viaggio per vivere la propria vita nella piena maturità e nell'equilibrio delle proprie forze. La stabilità è data in Dio e il percorso per ottenerla è vivere fedelmente la propria vita spirituale, ancorati all'Eucaristia e accompagnati da Maria. Carissimi giovani e amici tutti: siate coraggiosi! Non abbiate paura di fermarvi e assicurare i vostri passi a queste due colonne. Vi sosterranno sempre e ovunque. In qualunque mare vi troverete, sarete al sicuro. Fidatevi e camminerete decisi nella gioia e verso la gioia.
Buon cammino!

Chi fosse interessato per acquistare copie può rivolgersi ai seguenti indirizzi di posta elettronica
Don Zanotti Carlo maestronovizi@tiscali.it
Don Gianni Ghiglione gianni.uni@ibero.it
Don Pier Luigi Cameroni pcameroni@salesiani.it

Grazie don Josè!

Rinnoviamo come ADMA il nostro ricordo e la nostra preghiera di suffragio per don José Antonio Rico, generoso collaboratore e entusiasta sostenitore della nostra Associazione, scomparso a Madrid, all'età di 84 anni, il 16 dicembre 2008. Fino all'ultimo giorno ha dato il suo contributo alla traduzione dell'ADMAonline in lingua spagnola. Don José Antonio Rico oltre ad essere stato Consigliere regionale dell'antica regione Iberica, dal 1977 al 1990, ha ricoperto altri incarichi e ruoli come direttore, Ispettore di Madrid e maestro dei novizi in Togo. A don Rico si devono le traduzioni ufficiali in lingua spagnola di alcuni testi ufficiali della Congregazione salesiana. Come ADMA lo affidiamo alla misericordia del Padre e alla materna bontà dell'Ausiliatrice che ha sempre amato e fatto amare.

SCINTILLE DI LUCE



Nel nostro incontro con i vari gruppi della Famiglia Salesiana, per conoscere come vivono la presenza di Maria, è la volta della Confederazione mondiale degli Ex allievi ed exallieve di don Bosco. Ci risponde il Presidente Sig. Francesco Muceo

1. Come Maria vi aiuta nel camino della vostra Associazione ?
La presenza di Maria Ausiliatrice ci accompagna nel nostro impegno a servizio dei giovani in tutte le nostre attività; ciò premesso aggiungo che la Festa di Maria Ausiliatrice è vissuta con particolare intensità e devozione nelle Unioni ex allievi di tutti i continenti. Il 24 Maggio numerose iniziative sono promosse proprio dagli ex allievi che vogliono, in tal modo, ricordare perennemente la loro Madre celeste. In tutti i Convegni Internazionali, infine, un pensiero speciale viene rivolto a Maria affinché Ella guidi, facendoli fruttificare, i propositi d'impegno che ogni volta ne scaturiscono.

2. Come Maria è presentata nel vostro Regolamento?
Nel nostro Statuto non abbiamo un riferimento preciso a Maria; ciò non vuol dire che vi sia un'omissione. Nella identità dell'associazione è costantemente richiamato il Sistema Preventivo di Don Bosco quale fonte inspiratrice dell'attività; in esso non può non riverberarsi tutto il fulgore della presenza di Maria che guidò costantemente l'opera del nostro Padre e Maestro. Pur tuttavia, essendo in fase di revisione dello Statuto, ritengo che uno specifico richiamo sia più che opportuno.

3. Qual è il ruolo di Maria Ausiliatrice nella tua storia personale?
La mia vita è stata vissuta in età scolastica prima dalle FMA e poi dai Salesiani; tutte le mattine nelle nostre invocazioni Maria rappresentava la Madre cui affidare le azioni quotidiane. Tale costante devozione è continuata anche in epoca successiva, per cui onde quotidianamente affido a Maria la mia giornata lavorativa, i miei cari a partire da mia moglie che ne porta il nome. Anche nell'ambito della Confederazione l'ispirazione è stata sin dal primo giorno a Maria poiché come Lei anche io ho detto SI ed a Lei ho affidato la nostra Associazione.
Per conoscere l'Associazione cfr. www.exallievidb.org

STRENNA 2009


Impegniamoci a fare della Famiglia Salesiana
un vasto movimento di persone per la salvezza dei giovani
"Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami" (Mt 13, 31-32)

150º anniversario di fondazione della Congregazione Salesiana La Famiglia Salesiana ieri ed oggi: il seme è diventato un albero e l'albero un bosco

Presentiamo e valorizziamo in tutti i gruppi ADMA
" La Carta di comunione nella Famiglia Salesiana
" La Carta della missione
" Il commento alla strenna del Rettor Maggiore
(cfr. il sito www.sdb.org)

CRONACA DI FAMIGLIA


ADMA Primaria di Torino -Valdocco
Durante la giornata di studio della Famiglia Salesiana, in data 26 ottobre, a cui abbiamo partecipato come ADMA, ci è stato rivolto l'invito da parte della Presidente federale nazionale ex allieve delle FMA, Anna Maria Musso Freni, di partecipare alla loro riunione e presentare la nostra associazione. Abbiamo accolto l'invito e domenica 30 novembre ci siamo incontrati presso il salone delle suore FMA in piazza M. Ausiliatrice. All'incontro hanno partecipato la consigliera regionale delle VDB signora Palmieri Rosaria, la rappresentante dei salesiani cooperatori del centro Rebaudengo, signorina Elena Sartor, e per l'ADMA la presidente Giuseppina Chiosso e la consigliera Tina Savignano. Ciascun rappresentante ha presentato e informato sulla nascita e il percorso della propria associazione. Nel nostro intervento abbiamo presentato la storia dell'ADMA, il suo evolversi durante gli anni. Erano presenti circa 50 ex allieve L'incontro è stato positivo sia come conoscenza dei gruppi rappresentati, sia come persone legate da un unico filo conduttore "il cuore salesiano di Don Bosco". La riunione si è subito trasformata in un incontro di famiglia dove ognuno esprimeva liberamente e serenamente le proprie idee, difficoltà e traguardi. Ci siamo lasciati con un fraterno abbraccio e con la promessa di rivederci ancora più numerosi. (Giuseppina Chiosso, Presidente ADMA Primaria e Tina Savignano, Consigliera):.

16 dicembre Ritiro ADMA Primaria: l'acqua insistente e battente non ha scoraggiato la partecipazione di oltre 100 persone al ritiro in preparazione al S. Natale. Numerosa la presenza di famiglie giovani con bimbi e ragazzi che hanno reso più bello il clima natalizio. Nella giornata è stata presentata la figura di don Umberto Maria Pasquale, grande innamorato di Maria Ausiliatrice, direttore spirituale della Beata Alexandrina da Costa e intimo amico di Sr. Lucia di Fatima. La presentazione del volume "Il monello di Dio" e del recente DVD, curati dalla Cooperatrice Salesiana Maria Rita Scrimieri, hanno aiutato a cogliere l'azione di Dio e di Maria nella vita di questo salesiano, vulcanico nelle diverse iniziative e compassionevole per le miserie della condizione umana. Alcune impressioni: "don Umberto è un vero uomo di Dio, un santo... quante cose abbiamo da imparare, e da ringraziare per i nostri santi sacerdoti" (Rosanna). "E' stato davvero bellissimo conoscere santi così belli e vedere quanto il Signore ha operato nella loro vita! Bello era anche il clima familiare che si respirava tra tutti noi! Una grande gioia!" (Paola).

Dal 26 dicembre al 2 gennaio, in collaborazione con il santuario di Maria Ausiliatrice, è stato organizzato un Pellegrinaggio in Terra Santa. Vi hanno partecipato 100 pellegrini (75 dalla zona di Nave e 25 da Torino) di cui diversi membri dell'ADMA di Torino e di Nave. Tra essi è bello sottolineare la significativa presenza di diverse coppie giovani, segno di un rinnovamento dell'Associazione e dell'urgenza di ripartire dalla famiglia nell'opera educativa e di evangelizzazione. Accompagnati da don Roberto Carelli, responsabile del Gruppo Famiglie di Torino e da don Pier Luigi Cameroni, con la guida di don Gianni Zappino, salesiano di Valdocco, e di Mons. Giuseppe Ghiberti, biblista e responsabile per l'ostensione della Sindone della diocesi di Torino, abbiamo ripercorso i luoghi che hanno visto lo svolgersi dei misteri della nostra salvezza, sperimentando ovunque la verità e le bellezza della nostra fede. Nel susseguirsi del programma molto intenso di visita, di preghiera e di meditazione biblica è stato colto come un filo rosso che dentro tutte le vicende storiche, così intricate e segnate da lotte e distruzioni, manifesta la fedeltà di Dio e la sua presenza salvifica e misericordiosa nella vita dell'umanità. In particolare è il mistero di Cristo Signore e Salvatore che è brillato ai nostri occhi, con l'esigenza di approfondire maggiormente la conoscenza e l'esperienza della nostra fede, della Bibbia e della storia della Chiesa.
In qualche modo abbiamo anche sperimentato i drammi della guerra e lo scandalo della divisone dei cristiani: il celebrare la Via Crucis per le vie di Gerusalemme, con il quartiere arabo completamente chiuso a causa dei combattimenti nella striscia di Gaza, ci ha ricordato il dramma della guerra che sconvolge non solo la terra di Gesù ma tanti popoli e la necessità ci creare una cultura di pace, cominciando dalla mente e dal cuore dei bambini e dei ragazzi. Davanti al Santo Sepolcro ci siamo resi conto del dramma della divisione dei cristiani e del valore di essere testimoni e costruttori di pace e di comunione attraverso la forza della pazienza e del dialogo.
Nei diversi luoghi si è percepita la presenza materna di Maria fonte di gioia e di pace e come Ella sempre accompagna il cammino di Cristo e della Chiesa, rivelandosi modello nell'adorazione di Dio e donna di comunione nelle relazioni con i fratelli.
La giornata sul lago di Gesù, il lago di Genezaret, è stata caratterizzata dalla meditazione del tema eucaristico, sia rileggendo e meditando il grande discorso di Gesù nella sinagoga di Cafarnao, che nel ricordo della moltiplicazione dei pani e dei pesci.

ADMA Quito (Ecuador)
Riunione della Famiglia Salesiana presso la casa salesiana di Quito - Técnico il 22 novembre 2008.
Ricordo della Consacrazione alla Vergine Maria Immacolata e Ausiliatrice celebrata l'8 dicembre 2008 nella chiesa di San Giovanni Battista a Quito (Ecuador) da don Don Jorge Molina, Vicario e delegato per la Famiglia Salesiana, insieme a 4 salesiani e all'ADMA della zona.

ADMA - Caltagirone (Catania-Italia)
8 dicembre ore 18.30: durante la S. Messa, a cui partecipa la comunità delle suore, alcune associate, dopo un'adeguata preparazione e presa di coscienza degli impegni, davanti al Signore e a Maria Ausiliatrice, in un clima di fervore e di viva emozione, circondate dai familiari, emettono la promessa ADMA. Sono: Angela Alberghina, Franca Barresi, Anita Aquieci, Rosanna Mortellaro Tutte le altre socie rinnovano la promessa e ricevono la "Card". Al momento dell'offertorio viene portata all'altare una scultura di Maria Ausiliatrice per esprimere l'impegno di volerla onorare, pregare, imitare e diffondere l'amore e la fiducia in lei nell'ambiente familiare e di vita. Inoltre ci si impegna a portarla, durante il mese di maggio, nelle famiglie per recitare insieme davanti a Lei il S. Rosario, preghiera a Lei tanto cara e da Lei raccomandata. Dopo il momento spirituale ci si raduna insieme per un momento di festa e di fraternità (Pina Alba, Presidente, e la Animatrice FMA, sr. Giuseppina Brucculeri).

ADMA di Gela (Caltanisetta - Italia)
Nuove promesse di adesione all'ADMA e un nuovo evento particolare quale l'atto di affidamento a Maria da parte di un bel gruppo di genitori per i loro figlioletti. Il primo momento, svoltosi il 4/12/2008 nel corso della novena per l'Immacolata, è stato emozionante perché mettersi nelle mani di Maria e chiedere di condurci per mano per gli irti sentieri della vita e affrontare i pericoli fiduciosi del suo aiuto, accresce la nostra devozione a questa Madre dolcissima. Il secondo momento, in data 11/12/2008, è stato una novità, apportando un esito favorevolissimo tant'è che i presenti hanno espresso il desiderio di riproporlo. Il cuore di tutti scoppiava di gioia quella sera. Per tutto il giorno il tempo non aveva fatto altro che piovere (meglio dire diluviare con tuoni, lampi e allagamenti). Niente ci ha bloccati a casa perché grande è l'amore per Cristo e Maria Santissima Alle ore 18.00 eravamo tutti in chiesa, pronti per la Celebrazione Eucaristica. Subito dopo l'omelia vengono presentati dagli stessi genitori i bimbi a Don Calogero Di Gregorio che benedice la famigliola e porge un'effigie di Maria Ausiliatrice. Bisogna dare merito ai bimbi per essere stati attenti e partecipi. Al termine della celebrazione agape nella hall della chiesa con canti e festeggiamenti (Luigina Ciaramella presidente regionale ADMA Sicilia).

ADMA di Nave (Brescia - Italia)
Domenica 21 dicembre, nel corso del ritiro in preparazione al Natale, che vede la partecipazione di tutti i gruppi della Famiglia Salesiana di Nave, si è svolta la benedizione del nuovo stendardo del gruppo. Ha presieduto la liturgia il direttore della comunità don Roberto dal Molin. Un segno da tutti molto apprezzato per l'eleganza e la fattura ben riuscita, che vuole esprimere sia l'affidamento all'Ausiliatrice che l'appartenenza all'ADMA.


ADMA Primaria di Torino-Valdocco:
ADMA | Santuario di Maria Ausiliatrice | Via Maria Ausiliatrice 32 | 10152 TORINO-VALDOCCO | ITALIA
Tel.: 0039-011-5224216 | Fax.: 0039-011-52224213 |
E-mail: adma.torino@tiscali.it 
                                        
Presidente ADMA:
                                        
Signora CHIOSSO GIUSEPPINA (incarico fino a 2010)
                                        
E-mail: giusy.chiosso@yahoo.it
Animatore spirituale ADMA:
Don Pier Luigi CAMERONI |Istituto Salesiano | Via S. G. Bosco 1 - 25075 NAVE - BS
TEL. 030-2530262 - FAX 030 - 2533190 | CELL. 3401452349 |
E-mail: pcameroni@salesiani.it
                      
Sito Internet:  www.donbosco-torino.it/ita/adma


        | HOME PAGE |  HOME PAGE - ITA | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUS. |  ADMA-ON-LINE INFO VALDOCCO |

Visita Nr.