| HOME PAGE  |  HOME PAGE - ITA  |  ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUS.  |   ADMA-ON-LINE  |  INFO VALDOCCO |
 

Via Maria Ausiliatrice 32 - 10152 Torino-Valdocco E-Mail: pcameroni@salesiani.it  ADMA Valdocco: adma.torino@tiscali.it  

   ADMAonLne             

    Messaggio Mensile 24 Ottobre 2008   
             Versione T

Maria ci aiuta a vivere il tempo come grazia

La presenza e l'aiuto di Maria sono per noi fonte di grazia. E' importante non chiudersi all'amore di Dio, ai suoi doni, non seguire nostri pensieri e progetti, ma attraverso Maria aprirsi alla grande avventura dell'amore di Dio. "Se guardiamo la storia, siamo costretti a registrare non di rado la freddezza e la ribellione di cristiani incoerenti. In conseguenza di ciò, Dio, pur non venendo mai meno alla sua promessa di salvezza, ha dovuto spesso ricorrere al castigo.

E' spontaneo pensare, in questo contesto, al primo annuncio del Vangelo, da cui scaturirono comunità cristiane inizialmente fiorenti, che sono poi scomparse e sono oggi ricordate solo nei libri di storia. Non potrebbe avvenire la stessa cosa in questa nostra epoca? Nazioni un tempo ricche di fede e di vocazioni ora vanno smarrendo la propria identità, sotto l'influenza deleteria e distruttiva di una certa cultura moderna. Vi è chi, avendo deciso che "Dio è morto", dichiara "dio" se stesso, ritenendosi l'unico artefice del proprio destino, il proprietario assoluto del mondo.

Sbarazzandosi di Dio e non attendendo da Lui la salvezza, l'uomo crede di poter fare ciò che gli piace e di potersi porre come sola misura di se stesso e del proprio agire. Ma quando l'uomo elimina Dio dal proprio orizzonte, dichiara Dio "morto", è veramente più felice? Diventa veramente più libero? Quando gli uomini si proclamano proprietari assoluti di se stessi e unici padroni del creato, possono veramente costruire una società dove regnino la libertà, la giustizia e la pace? Non avviene piuttosto - come la cronaca quotidiana dimostra ampiamente - che si estendano l'arbitrio del potere, gli interessi egoistici, l'ingiustizia e lo sfruttamento, la violenza in ogni sua espressione? Il punto d'arrivo, alla fine, è che l'uomo si ritrova più solo e la società più divisa e confusa" (Benedetto XVI 5 ottobre 2008 -Omelia apertura Sinodo sulla Parola di Dio).

Con Maria e alla sua scuola il tempo diventa un tempo di grazia, perché Ella ci aiuta a vivere da cristiani e quotidianamente attraverso la sua instancabile intercessione ci ottiene tantissime grazie: della maggior parte non ce ne rendiamo neppure conto! Più ci apriamo attraverso la mediazione di Maria all'amore di Dio e più sperimentiamo la "sorpresa" di questo amore sempre inventivo e creativo e avvertiamo l'esigenza di corrispondervi con una fedeltà sempre più grande e precisa. La presenza e l'aiuto di Maria ci portano ad essere testimoni di pace e di amore.

Se vogliamo abbiamo tutti dei tesori inesauribili: il nostro tempo libero, il nostro cuore, il nostro sorriso, il nostro consiglio, la nostra cultura, la nostra pace, la nostra parola. Basta guardarsi attorno: quell'ammalato in ospedale, quella signora vedova sempre sola, quel giovane disoccupato sempre triste, il fratello bisognoso d'aiuto, l'amico in difficoltà. Assumiamo il comportamento nuovo del cristiano - di cui è tutto impregnato il Vangelo - che è quello dell'anti-chiusura e dell'anti-preoccupazione. Rinunciamo a mettere la nostra sicurezza nei beni della terra e appoggiamoci su Dio, sperimenteremo pace e amore nel nostro cuore e diventeremo testimoni di gioia e di pace per gli altri.
                                                          
Don Pier Luigi Cameroni - Animatore spirituale



Preghiamo Maria Ausiliatrice

UN ROSARIO "SALESIANO"
(di Lucia Borri Billè - Salesiana Cooperatrice di Trieste)

Il Rosario "salesiano" vuole aiutarci ad amare sempre di più, sull'esempio di Don Bosco, questa bella e tradizionale preghiera mariana. Chiediamo a Dio, per l'intercessione materna di Maria Ausiliatrice, di essere capaci di un autentico ritorno a Don Bosco per imparare come lui ad amare Gesù e la Chiesa.

MISTERI LUMINOSI -GIOVEDÌ

1° MISTERO DELLA LUCE

IL BATTESIMO DI GESÙ NEL GIORDANO
"Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. Ed ecco una voce dal cielo che disse:"Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto"" (Mt 3,16-17).
Con il Battesimo sono stato reso anch'io figlio di Dio e liberato dal peccato; ma con facilità cado e perdo il dono della Grazia. Signore Gesù, donami una coscienza retta e la capacità di ricorrere alla Tua misericordia con l'esame di coscienza quotidiano e la frequente Confessione.
"Don Bosco senza far caso di certi riguardi umani, opportunamente od importunamene, invitava molti al lavacro salutare della confessione" (MB 6,452).
"Dicasi pure quanto si vuole intorno ai vari sistemi di educazione, ma io non trovo alcuna base sicura, se non la frequenza della confessione e della comunione" (D. Bosco, Vita di Besucco Francesco).

2° MISTERO DELLA LUCE

LE NOZZE DI CANA
"Tre giorni dopo ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: "Non hanno più vino"" (Gv 2,1-4).
Signore Gesù, grazie per avermi donato tua Madre. Fa' che io creda nella potenza della sua intercessione e mi rivolga a Lei con fiducia.
Prego affinché ogni famiglia accolga Gesù e Maria e viva così nell'unità e nell'amore.
"La Madonna fa ciò che vuole. D'altronde le cose nostre cominciarono in questo modo straordinario da quando avevo nove anni" (MB 14,609).
"Da piccolo mia madre mi faceva mettere ginocchioni mattino e sera e, tutti insieme, recitavamo le preghiere in comune, con la terza parte del Rosario" (MO).

3° MISTERO DELLA LUCE

L'ANNUNCIO DEL REGNO DI DIO
"Il tempo è compiuto e il Regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo " (Mc 1,15).
Signore, ti ringrazio per coloro che mi parlano di Te. Aiutami a capire che l'unico compito del cristiano e della Chiesa è quello della evangelizzazione e dell'annuncio esplicito. Che io non mi vergogni a parlare del mio credo o ad esprimere gesti di fede là dove potrebbe sembrare inopportuno.
Ti prego per la Chiesa del silenzio, per coloro che sono perseguitati a causa della loro fede in Gesù.
"Bisogna sempre introdurre nelle nostre conversazioni qualche pensiero cristiano. È un seme che a suo tempo darà frutto" (MB 1,406).
"Un sacerdote non deve mai permettere che, chiunque si avvicini a lui, ne parta senza aver udita una parola che manifesti il desiderio della salute eterna della sua anima" (MB 3,74).

4° MISTERO DELLA LUCE

LA TRASFIGURAZIONE DI GESÙ SUL MONTE TABOR
"Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come le luce" (Mt 17,1-2). "Pietro disse a Gesù: "Maestro, è bello per noi stare qui"" (Mc 9,5).
Grazie Signore perché mi doni momenti di consolazione in cui contemplo la Tua luce e come Pietro posso dire "È bello per me stare qui con Te e con i fratelli". Ti prego perché nel Tuo nome ogni comunità cristiana e salesiana viva un autentico clima di famiglia. Fammi essere capace di amicizia, di affabilità, di confidenza e di gioia nell'incontro.
"Fra di voi amatevi, consigliatevi, correggetevi, ma non portatevi mai né invidia né rancore, anzi il bene di uno sia il bene di tutti" (MB 11,390).
"Ogni giorno prego per te e per tutti i miei figli, e voglio che tutti servano volentieri il Signore con santa allegria, anche in mezzo alle difficoltà ed ai disturbi diabolici" (MB 17,632).

5° MISTERO DELLA LUCE

L'ISTITUZIONE DELL'EUCARISTIA
"Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: "Prendete e mangiate; questo è il mio corpo"" (Mt 26,26).
Nel Corpo di Cristo è reso manifesto l'amore di Dio e solo da quell'amore adorato e contemplato può partire qualsiasi missione. Desidero amare di più Gesù nell'Eucaristia visitandolo ed adorandolo. Gesù, aiutami a fare il possibile perché il mio incontro con Te diventi quotidiano.
"Allegria, preghiera, santa comunione, sono i nostri sostegni" (MB 10,1178).
Il grandissimo amore di Don Bosco per Gesù Eucaristico fu arricchito di grazie speciali e straordinarie. Nell'inverno 1878, mentre servivano Messa nella cappelletta presso la camera di Don Bosco, due giovani, che poi divennero salesiani, all'elevazione lo videro illuminarsi in volto. Poi, poco a poco, i suoi piedi si staccarono da terra ed egli rimase sospeso in aria per dieci minuti. Il fatto si verificò almeno tre volte (MB 13,897).

INTENZIONI APOSTOLATO DELLA PREGHIERA
NOVEMBRE 2008

GENERALE: Perché la testimonianza di amore offerta dai Santi fortifichi i cristiani nella dedizione a Dio e al prossimo, imitando Cristo che è venuto per servire e non per essere servito.

MISSIONARIA: Perché le comunità cristiane dell'Asia, contemplando il volto di Cristo, sappiano trovare le vie più consone per annunciarLo alle popolazioni di quel vasto continente, ricco di cultura e di antiche forme di spiritualità, nella piena fedeltà al Vangelo.

DEI VESCOVI: Perché l'esperienza della misericordia di Dio ci renda capaci di diffondere nel mondo la speranza che nasce dal sentirsi accolti, amati e perdonati.

MARIANA: Perché Maria, umile serva del Signore, ottenga ad ogni persona quel vero senso religioso che nasce nel cuore dell'uomo e si apre all'amore verso Dio e verso i fratelli.

Affidiamo in modo speciale a Maria Ausiliatrice il Capitolo Generale 22° delle Figlie di Maria Ausiliatrice in corso a Roma e l'elezione del nuovo Consiglio Generale.

Testimoni | Con Don Bosco il cuore a Maria

Dalle testimonianze tratte dalle lettere dei Salesiani soldati nella prima guerra mondiale a don Paolo Albera (cfr. locandina) ne presentiamo alcune inerenti all'amore a Maria Ausiliatrice attraverso la preghiera del Santo Rosario.

Per esprimere la sua gratitudine a Maria Ausiliatrice il coadiutore Augusto Barbero , scrivendo a don Albera il 26 settembre 1918, racconta che la notte della vigilia della festa di Maria Ausiliatrice, mentre infuriava il bombardamento delle batterie nemiche ed egli si recava in prima linea a Costagnevizza, gli viene il pensiero di pregare il S. Rosario, che teneva fra le mani, essendosi ricordato che l'indomani ricorreva la festa di Maria Ausiliatrice.

Egli sostiene, in tutta sincerità, di aver udito "una voce sovrumana" che gli faceva coraggio, invitandolo ad aumentare la sua fede e assicurandolo dell'incolumità, nonostante il prolungarsi dell'azione, "infernalmente tremenda", ancora per due giorni. Per questo ha inviato un'offerta al santuario di Maria Ausiliatrice a Torino e, sempre lì, ha fatto mandare l'offerta di una S. Messa di ringraziamento dai suoi familiari.

Anche il coadiutore Clicerio Migliavacca esprime la gratitudine all'Ausiliatrice, per i pericoli dell'anima e del corpo evitati. Egli la fa conoscere con confidenza filiale a don Albera (13.06.17). Il suo grazie più sentito è però per un altro rischio da cui si è conservato immune, molto nocivo per la vita interiore del religioso, vale a dire il tralasciare le pratiche di pietà e il Rosario: "È già un anno che mi trovo in zona di guerra.

Fu per me un anno di continui pericoli sia per l'anima che per il corpo, ma devo rendere grazie a Dio e a Maria Ausiliatrice di avermi sempre in modo speciale preservato da questi pericoli specialmente quelli dell'anima, ai quali ci troviamo più esposti. Ora le dico col cuore aperto: dacché mi trovo qui non mi ricordo il giorno di aver tralasciato le mie pratiche di pietà. Ove mi trovavo più esposto ai pericoli della vita, il Rosario non l'ho mai tralasciato, perché queste pratiche di pietà erano per me il sostegno dell'anima mia".

Con gioia presentiamo il primo numero dei Quaderni di Maria Ausiliatrice, dal titolo "Don Bosco in trincea", opera di Don Leonardo Tullini. Il libro sviluppa il tratto della spiritualità mariana così come emerge nella corrispondenza dei salesiani militari con don Paolo Albera, secondo successore di don Bosco, e altri superiori nel corso della prima guerra mondiale (1915-1918).

L'intento ispiratore è di ricostruire il mondo dei valori umani e spirituali che sorresse i soldati salesiani nel dramma collettivo dell'evento bellico, per meglio capire, dall'interno e nel vissuto reale, come la devozione a Maria Ausiliatrice sia uno dei capisaldi dell'identità salesiana, in particolare nel tempo della prova e della difficoltà. Leggiamolo, meditiamolo e facciamolo cosnocere!

Invitiamo a valorizzare nei gruppi ADMA le catechesi del mercoledì del S. Padre Benedetto XVI sulla figura di San Paolo

Segnaliamo che il Sito www.donbosco-torino.it nella parte dedicata all'ADMA si è arricchito con nuovi strumenti di formazione e di comunicazione.

Cronaca di Famiglia
ADMA PRIMARIA di Torino-Valdocco


Domenica 5 ottobre 2008 - XVII GIORNATA MARIANA

Una splendida giornata di ottobre ha fatto da cornice all'annuale Giornata Mariana dell'ADMA con la partecipazione di oltre 200 persone, provenienti dal Piemonte, oltre ad una significativa rappresentanza da Nave (BS).

Dopo i saluti iniziali, Don Leonardo Tullini ha presentato il volumetto "Don Bosco in trincea" che racconta la storia dei salesiani soldato durante la prima guerra mondiale, attraverso la corrispondenza epistolare con il Rettor Maggiore don Paolo Albera. E' stato sottolineato lo spirito di sacrificio e di dono di sé che animava questi giovani salesiani, sostenuti da un grande senso di responsabilità e da una forte e filiale devozione a Maria Ausiliatrice. Don Leonardo ha invitato tutti i presenti a cogliere lo spirito di questa pubblicazione, invitando a farla diventare una specie di vademecum sia per il proprio cammino spirituale ed apostolico che per quello dell'Associazione.

E' seguito l'intervento di don Pier Luigi Cameroni, Animatore spirituale dell'ADMA, che ha ripercorso il cammino associativo dell'ultimo anno: l'attuazione delle indicazioni date dal Rettor Maggiore don Pascual Chavez al V Congresso Internazionale di Maria Ausiliatrice; la presentazione dell'ADMA ai Capitoli Generali degli SDB e FMA, il coinvolgimento delle coppie e famiglie giovani nel cammino associativo.
Nel pomeriggio nella Basilica di Maria Ausiliatrice, nel corso dell'Eucaristia presieduta dal nuovo superiore della Circoscrizione Piemonte Valle d'Aosta don Stefano Martoglio, 19 aspiranti hanno fatto la loro promessa come soci ADMA.

Di questi 13 del gruppo di Nave (BS) recentemente eretto, mentre 6 venivano dai gruppi del Piemonte. Grande segno di speranza e di rinnovamento la presenza alla Giornata di diverse coppie e famiglie giovani e il fatto che 4 coppie giovani hanno fatto la loro promessa.
Al termine ci siamo ritrovati a festeggiare i nuovi associati attraverso un bel rinfresco e un'allegra lotteria.

Così una partecipante: "La giornata a Valdocco è stata molto bella e, come le dicevo, abbiamo bisogno di questi incontri per rimotivarci, ricevere forza e ringraziare il Signore dei doni che ci elargisce. Molto interessante il primo "quaderno" pubblicato, ne abbiamo tutte una copia. Trovo che si potrebbe pensare di trovare anche uno spazio, nella giornata mariana, in cui poter incontrarci fra gruppi, per confrontarci e condividere difficoltà e idee" (Anna A.).

PRESENTAZIONE DELL'ADMA

L'animatore spirituale don Pier Luigi nella serata di sabato 20 settembre ha presentato l'Associazione nella sua spiritualità e nella sua vita ai giovani confratelli salesiani postnovzi della comunità di Nave (BS). In un clima di fraternità ha raccontato in particolare il recente viaggio in Brasile per il II Congresso di Maria Ausiliatrice e ha sottolineato l'importanza di conoscere e di coltivare l'appartenenza alla Famiglia Salesiana fin dalla prima formazione.

Similmente ha fatto, martedì 23 settembre, su invito dell'Ispettore don Agostino Sosio, ai direttori della Ispettoria Lombardo Emiliana riuniti a Como per l'incontro mensile. In questa circostanza è stata sottolineata la necessità di curare la Famiglia Salesiana in tutte le nostre presenze, stimolati anche dalla strenna del prossimo anno.

LONDRA - Sabato 11 e domenica 12 ottobre

Don Pier Luigi con il Sig. Michele Belotti si è recato a Londra per esprimere la riconoscenza di tutta l'Associazione a Madre Eugenia Pantalleresco in occasione del 50° del suo giubileo di professione religiosa tra le Orsoline di Malta. Madre Eugenia, prima a Malta e ora da 27 anni a Londra, si distingue per un grande amore a Maria Ausiliatrice e per la diffusione della devozione alla Madonna con questo titolo. Sabato pomeriggio vi è stato un fraterno e gioioso incontro di preghiera con l'ADMA di Londra guidato dall'animatore spirituale Padre Ugo Preston, salesiano.

Domenica pomeriggio il solenne rendimento di grazie presso la parrocchia San Tommaso Moro con una partecipata concelebrazione presieduta dal vescovo ausiliare di Londra Mons. Bernard Longley e con la presenza di oltre 30 sacerdoti concelebranti tra i quali l'Ispettore della Gran Bretagna don Michael Winstanley.

Al termine della celebrazione don Pier Luigi, omaggiando a Madre Eugenia un'artistica statua di Maria Ausiliatrice e una targa ricordo, ha voluto esprime la riconoscenza del Consiglio dell'ADMA Primaria e di tutta l'Associazione a questa donna e consacrata eccezionale, vera innamorata di Maria Ausiliatrice.


NOTIZIE DAL MONDO ADMA

Nave (BS) - Italia
Martedì 30 settembre l'Ispettore dell'Ispettoria Lombardo-Emiliana, don Agostino Sosio, nel corso di una solenne concelebrazione ha eretto canonicamente il gruppo ADMA di Nave dedicato a Maria Ausiliatrice. Inserito nell'opera salesiana di Nave, casa di formazione fin dalle origini (1938), il gruppo è frutto maturo di un lungo cammino di preghiera e di vita cristiana. Infatti fin dal 1988 si era costituito un piccolo gruppo di preghiera mariana ed eucaristica e di formazione catechistica che si è incontrato con continuità per 20 anni ogni martedì sera.

Animato dallo spirito salesiano e illuminato dai messaggi della Regina della pace è andato crescendo, raggiungendo attualmente il numero di 70 persone circa. L'appartenenza all'Associazione è risposta soprattutto alla chiamata di Maria Ausiliatrice a testimoniare con gioia la bellezza della vita cristiana. Tredici persone costituiscono il primo nucleo di associati. E' bello sottolineare che vi sono diverse coppie giovani che hanno intrapreso questo cammino di fede e di devozione mariana. Domenica 5 ottobre a Torino nel corso della Giornata Mariana hanno fatto con gioia la loro promessa.

CILE - VII CONGRESSO NAZIONALE DI MARIA AUSILIATRICE
Diffondere nei prossimi anni la devozione a Maria Ausiliatrice tra i gruppi della Famiglia Salesiana è stato uno degli impegni presi alla chiusura del VII Congresso Nazionale dell'Associaizone di Maria Ausiliatrice celebrato dal 3 al 5 ottobre presso il Liceo Manuel Arriara - La Cisterna Santiago. Hanno partecipato 200 soci provenienti da Iquique fino a Punta Arenas.

Dopo la solenne apertura i lavori del Congresso, animati dal Padre Vincente Soccorso, hanno avuto un momento particolarmente significativo con l'intervento formativo svolto da Mons. Ricardo Ezzati sul tema: "Vivere la fede cristiana nel quotidiano, come discepoli e missionari di Cristo" e l'intervento del seminarista Cristian Guzmán: "La predilezione e la missione tra i giovani più bisognosi" con la testimonianza di giovani appartenenti al programma Vida Compartida e al Hogar Miguel Magone.

Alla sera del sabato i partecipanti hanno visitato il Museo di Storia Naturale, la grotta di Lourdes e il Santuario natale di Laura Vicuña ubicato nel quartiere Renca. Le attività si sono concluse con la celebrazione dell'Eucaristia nel Tempio Don Bosco, presieduta dal padre Ispettore Leonardo Santibáñez. L'incontro si è svolto in un clima famigliare e gioioso, mostrando l'amore che esiste tra i soci e l'unità esistente all'interno dell'Associazione.

Nella fase di verifica e di confronto sono stati evidenziati alcuni obiettivi raggiunti in questi anni: l'animazione della vita e l'organizzazione dell'Associazione, approfondendone l'identità; la crescita nella coscienza dei soci dell'appartenenza alla Famiglia Salesiana; l'aver chiarito e assicurato l'identità dell'ADMA come base di vita e di azione dei gruppi locali. Altri impegni raggiunti sono stati il lavoro per i giovani più poveri e l'essere promotori della Missione Continentale nell'ambito locale.

E' bello ricordare che i Congressi Nazionali dell'Associazione del Cile si realizzano ogni due anni in diverse città del paese: Santiago (1996) Concepción (1998), Linares (2000), Puerto Montt (2002), Santiago (2004) y Punta Arenas (2006).

Alcamo (TP) - Italia
In data 23 maggio 2008, a conclusione del triduo organizzato dal Parroco Don Giuseppe Ilari, 11 Aspiranti sono entrati a far parte dell'ADMA; all'occasione erano presenti i membri del Consiglio di Presidenza Locale. La celebrazione si è svolta nella chiesa di Maria Ausiliatrice nell'anno giubilare della presenza dei salesiani in questa cittadina (1958-2008). I Nuovi Associati hanno fatto un cammino di preparazione all'ingresso in Associazione, partecipando ad incontri spirituali e momenti di catechesi collettiva.

Durante la celebrazione gli Aspiranti si sono quindi presentati all'altare con devozione e orgogliosi di essere ormai parte integrante della Famiglia Salesiana. Il tutto si è concluso con la recita del Santo Rosario, la Fiaccolata e l'omaggio floreale presso la statua di Maria Ausiliatrice, accompagnato da un clima di festa e serenità. L'Associazione di Alcamo, presieduta dal sig. Antonio Romano, è composta da 100 Associati costantemente impegnati nella realizzazione di numerose attività parrocchiali.


ADMA Primaria di Torino-Valdocco:
ADMA | Santuario di Maria Ausiliatrice
Via Maria Ausiliatrice 32 | 10152 TORINO-VALDOCCO | ITALIA
Tel.: 0039-011-5224216 | Fax.: 0039-011-52224213
E-mail: adma.torino@tiscali.it 
                                        Presidente ADMA:
                                        Signora CHIOSSO GIUSEPPINA (incarico fino a 2010)
                               
E-mail: giusy.chiosso@yahoo.it
Animatore spirituale ADMA:
Don Pier Luigi CAMERONI |Istituto Salesiano
Via S. G. Bosco 1 - 25075 NAVE - BS
TEL. 030-2530262 - FAX 030 - 2533190 | CELL. 3401452349
E-mail: pcameroni@salesiani.it

     Sito Internet:  www.donbosco-torino.it/ita/adma

           | HOME PAGE |  HOME PAGE - ITA | ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUS. |  ADMA-ON-LINE INFO VALDOCCO |

  Visita Nr.