| HOME | Archivio Rivista MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO |


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  / ARCHIVIO 2015
Salesianità-Don Bosco-Famiglia Salesiana-Giovani-Educazione Problemi giovanili-Ex Allievi/e

FAMIGLIA SALESIANA: vdb | Il Magnifica della vita


In quest'anno che la Chiesa dedica alla Vita Consacrata, ecco la testimonianza di una Volontaria di Don Bosco, o come diceva il beato don Filippo Rinaldi, "Figlia di Maria Ausiliatrice nel secolo"
Se dovessi tradurre in un canto queste righe, ne farei sicuramente uno di lode e di ringraziamento a Gesù e a Maria Immacolata Ausiliatrice per il dono della vita ed in particolare della vita consacrata nella grande Famiglia di Don Bosco! A giugno, compirò 50 anni e guardando alla mia storia, trovo innumerevoli segni che hanno guidato passo dopo passo il mio cammino tra luci, ombre, gioie e dolori. Stupore, gioia profonda, gratitudine vibrano nelle corde del mio cuore.
Appartengo all'Istituto delle Volontarie di Don Bosco, fondato nel 1917 dal beato don Filippo Rinaldi, terzo successore di Don Bosco. La mia prima professione risale a dicembre 2003. Vivo da sola. Sono figlia unica, cresciuta in una famiglia nutrita dal "latte" della testimonianza di fede profonda di figure femminili davvero speciali. Ricordo la mia bisnonna, la mia nonna materna e la mia mamma, che sono tutte in cielo... Accanto a loro c'è stata e continua ad esserci la testimonianza delle Figlie di Maria Ausiliatrice che conobbi nel 1983. Allora ero una giovane maestra ventenne, appassionata di pittura e di musica (studiavo il pianoforte). Rimasi subito affascinata dal sistema educativo di Don Bosco. Cominciai a frequentare l'oratorio delle Fma e diventai salesiana cooperatrice. Poi, piano piano, scoprii che il Signore mi chiamava a consacrare la mia vita a Lui e iniziai a conoscere l'Istituto delle Volontarie di don Bosco. Potevo così consacrarmi a Dio rimanendo nel mondo, nella mia famiglia ad assistere i genitori e nella scuola. Mai mi sarei immaginata tutto questo!

"Le forze unite diventano forti"

Il Signore mette sul nostro cammino molti segni del suo Amore e della sua tenerezza: sta a noi saperli cogliere nei piccoli e grandi avvenimenti quotidiani e nella presenza delle persone che abbiamo vicine. Certo, fra questi segni ci sono anche i momenti di fatica, di dolore, di buio. È difficile ammetterlo, eppure il Signore si serve anche di queste prove per guidarci, per farci crescere; anzi è proprio lì che tocchiamo con mano la sua tenerezza e il suo aiuto.
Attualmente continuo a svolgere il mio lavoro di insegnante di sostegno in una scuola primaria e nello stesso tempo conduco un laboratorio musicale per bambini da sei a dieci anni con attenzione particolare a quelli con difficoltà. Cerco di essere vicina alle famiglie, soprattutto alle mamme, condividendo con loro le gioie, le difficoltà e le speranze del cammino educativo. Il progetto che ho nel cuore è di dar vita a "Educatori con don Bosco", cioè un gruppo di insegnanti che intendono approfondire ed applicare concretamente il metodo educativo di don Bosco nelle diverse realtà in cui si trovano, cercando di costruire ponti tra gli insegnanti stessi e i genitori. Riporto una citazione a me cara: "Le forze deboli quando sono unite diventano forti e se una cordicella presa da sola facilmente si rompe è assai difficile romperne tre riunite" (don Bosco).

Parte della grande Famiglia salesiana

Mi sento una donna in cammino, realizzata come donna e madre grazie alla vocazione di consacrata, feconda, nonostante le difficoltà e i limiti della mia umanità. Mi sento non sola, ma dentro ad una grande Famiglia che comprende, oltre alle sorelle Vdb, anche le Figlie di Maria Ausiliatrice. Sento il bisogno di un cammino mariano serio e profondo in quest'anno speciale, perché Maria è il nostro modello di Donna Consacrata e di Madre, guida che ci porta all'unione autentica con Gesù ed esempio di donna umile che si è affidata totalmente a Dio nel silenzio della vita quotidiana, dove meditava, serviva con amore, era ed è luce e guida vicina sempre come madre a chi è nel bisogno. Io desidero camminare alla guida di Maria all'interno dell'Istituto delle Volontarie di don Bosco, "sentendo" un nome, a suo tempo dato, che in me risuona gioioso, "Figlia di Maria Ausiliatrice nel secolo" proprio sull'esempio delle nostre prime sorelle che con don Rinaldi diedero origine al nostro Istituto.

Una Volontaria di Don Bosco
redazione.rivista@ausiliatrice.net


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2015 - 3 

 | HOME | Archivio Rivista MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO |


Visita Nr.