| HOME PAGE | FORMAZIONE CRISTIANA  | FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO |


ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE 2014 :
          SALESIANITA'-DON BOSCO-FAMIGLIA SALESIANA-Giovani-Educazione-Problemi giovanili-Ex Allievi/e

 

SALESIANI DB | DON PAGELLA: CAMPIONE DELLA MUSICA ORGANISTICA


È stato uno dei più valenti organisti del suo tempo, tanto che a lui ci si rivolgeva per collaudare e inaugurare questi strumenti, e il suo repertorio spazia dalle Messe alle melodie, alle musiche da concerto e da teatro. Risultato: don Giovanni Pagella è il più grande musico salesiano.

Nato a La Spezia il 21 novembre del 1872, inizia come autodidatta nella casa salesiana di Foglizzo Canavese (Torino) e la sua bravura è tale che ad appena 21 anni è organista e maestro di cappella nella chiesa torinese di S. Giovanni Evangelista, costruita da don Bosco e più nota come San Giovannino. Nel 1900 si reca in Germania, per un corso semestrale alla Scuola di Ratisbona, dove insegnano Michael Haller (1840-1915), Franz Haberl (1840-1910) e Joseph Renner (1868-1934). Nel 1923, diventa anche professore d'organo nel liceo musicale torinese "Giuseppe Verdi".

Nel 1931, la casa musicale Carrara, che ancor oggi edita partiture e riviste, lo presenta ai lettori dei suoi "I maestri dell'organo" come "uno dei più forti contrappuntisti moderni, unisce ad un formidabile possesso della tecnica, una sua profonda e personalissima ispirazione, che si è rivelata attraverso una produzione vastissima in tutti i generi della composizione musicale".
Don Pagella, in effetti, è autore prolifico di brani per organo, musiche vocali e strumentali, da concerto e da teatro. Alcune umili, altre caratterizzate, come è stato osservato, "da padronanza del contrappunto e da raffinata cesellatura armonica". A conferma, tra i suoi "titoli" ci sono "Sei Marcie per organo o armonio" e "Introduzione e Allegro per organo e quartetto d'archi". Nel 1930, poi, pubblica il "Facilissimo accompagnamento d'organo o d'armonio ai canti del Parrocchiano cantore, con preludi, interludi e postludi, op. 108", testo che è stato definito "pane quotidiano per organisti domenicali in Italia fino al dilagare della Messa pop".
Qui, però, è bene ricordare alcune sue composizioni squisitamente salesiane. Nel numero del gennaio 1912 del "Bollettino Salesiano", per esempio, si legge che "Con speciale entusiasmo fu applaudito il grandioso inno "A Don Bosco" musicato dal maestro D. Giovanni Pagella, su versi del prof. D. Giacomo Ruffino". È sempre lui, poi, a comporre la Messa a otto voci, per il ritorno di don Bosco dalla tomba dell'Istituto Valsalice a Valdocco, nel 1929.

Due mottetti per Maria Ausiliatrice

Sempre sul "Bollettino Salesiano", nel numero del luglio 1931, riferendosi alla festa di Maria Ausiliatrice svoltasi nel periodo dell'ostensione della Sindone, si legge testualmente: "Qualche parola in più va detta per due mottetti composti espressamente per la circostanza dal Salesiano Don Pagella. Il primo su una strofa d'Inno della Santa Sindone: Laude felix laeta Sabaudia Syndonis dabis mundo gaudia; Gaude tota mater Ecclesia Novae laudis agens solemnia. Alleluia.
Il secondo: Exultate Deo adjutori nostro: jubilate Deo Jacob. Sumite psalmum, et date tympanum: psalterium iucundum cum cithara. Buccinate in Neomenia tuba, in insigni die solemnitatis vestrae. La lirica dei testi ispirarono meravigliosamente l'autore, ed entrambe le composizioni rivelano tali doti di sapienza nello scegliere la frase musicale più espressiva del testo, e di maestria armonica e contrappuntistica per lo sviluppo musicale architettonico e per la condotta delle parti, da non stupire se pochi anni or sono in un concorso per due pezzi corali - uno sacro l'altro profano - per entrambe le composizioni riusciva vincitore del concorso il nostro D. Pagella". E si noti che all'epoca il salesiano è vivente. Muore, infatti, anni dopo, il 4 agosto del 1944, a Torino. Il giovane autodidatta spezzino, di strada, anzi di musica ne ha fatta tanta.

 

Con don Bosco la musica è di casa

"La musica è stata sempre usata da Don Bosco come strumento educativo d'eccellenza, alla pari del teatro. Anche per questo molti suoi figli hanno coltivato quest'arte con risultati che hanno superato i confini nazionali". Così si legge nell'inserto del "Bollettino Salesiano" per i 150 anni della Congregazione. In effetti, don Bosco, musico autodidatta, ha scritto varie composizioni, e don Giovanni Cagliero (1838-1926), missionario in Argentina e primo cardinale salesiano, si definì "impresario della musica strumentale del canto e del teatrino" e la sua "Messa funebre" fu eseguita nientemeno che per il funerale di re Carlo Alberto.

Tra i tanti salesiani musicisti, c'è don Giovanni Battista Grosso (1858-1944), che a Marsiglia creò una schola cantorum famosa in tutta la Francia e che fu vicepresidente della Associazione italiana Santa Cecilia. Poi, don Alessandro De Bonis (1888-1965), insegnante di musica sacra e canto gregoriano al Conservatorio di Napoli e autore, tra l'altro, della "Cantata a San Domenico Savio", per il decimo anniversario della canonizzazione del santo. A sua volta, don Nicola Vitone (1913-1974) ha insegnato al Conservatorio di Bari e al Pontificio Istituto di Musica Sacra a Roma, e per l'"Osservatore Romano" è stato "un esempio che non potrà essere dimenticato da quanti lo hanno conosciuto".
E ancora, don William Rabolini (1930-1992): tra l'altro, ha insegnato al Conservatorio di Avellino e poi a quello di Napoli, ed ha fondato e diretto l'Orchestra Giovanile Meridionale e il Piccolo Teatro Lirico Napoletano. Nel 2010, poi, papa Benedetto XVI ha nominato maestro direttore della Cappella Musicale Pontificia, denominata "Cappella Sistina", il salesiano Massimo Palombella: nato a Torino e sacerdote nel 1996, è l'ultimo, in ordine di tempo, di un lungo elenco di salesiani che si sono fatti apprezzare in campo musicale.

Lorenzo Bortolin - bortolin.rivista@ausiliatrice.net


   RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2014 - 1  
                                          | HOME PAGE | FORMAZIONE CRISTIANA  | FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO |


                                                                                                 Visita Nr.