|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE / ARCHIVIO 2015
                             Spiritualità - Vita Spirituale - Pregare - Virtu' - Conversione - Giovani e fede - Feste ....

CATECHESI  |  Io ateo, tu prete
Le strane vie della chiamata di Dio
Ai ragazzi dell'ultimo anno di catechismo don Lorenzo, appena ordinato sacerdote, racconta la storia della propria vocazione. Atletico, benestante, simpatico e comunicativo, abile nella guida di auto sportive… e nel rimorchiare belle ragazze, all'ultimo anno di liceo progettava l'iscrizione al Politecnico, la laurea e il naturale inserimento nell'azienda paterna. Durante la cena di classe, prima della maturità, il professore di matematica lo apostrofò bruscamente: "Tu ingegnere? No, io ti vedrei bene prete". I compagni risero e lo canzonarono allegramente. Lui non rise. Come aveva potuto il professore, anticlericale e ateo convinto, fargli uno scherzo del genere? Cercò di non pensarci, preso dalla preoccupazione per gli esami. Prima delle vacanze andò a trovare il professore, chiedendogli spiegazioni per quell'infelice battuta. La risposta lo sconcertò. L'insegnante, ateo, si rammaricava di non avere avuto il dono della fede; in Lorenzo intuiva doti di grande umanità, di spiritualità, di capacità di comunicare con i giovani e di trascinarli con l'esempio: doti che ne avrebbero fatto un ottimo sacerdote. "La fede dipende anche un po' da chi sa presentare gli argomenti giusti". Turbato, tornando a casa, il ragazzo passò attraverso il cortile dell'Oratorio. Da quanto tempo non entrava più in Chiesa? Senza fargli domande il parroco lo accolse amichevolmente e gli propose di aiutare per qualche ora gli animatori di "Estate ragazzi".
In quel cortile, Lorenzo si rese conto di quanto fosse bello stare con i giovani, lavorare per uno scopo che non fosse soltanto il guadagno materiale. Rinunciò alle costose vacanze regalate dai genitori e si iscrisse ad un campo scuola della Parrocchia. A settembre, anziché iniziare il Politecnico, entrò in seminario.
"E questa è la conclusione della storia" ride il giovane sacerdote indicando il proprio abito. "Il professore di matematica ed io siamo diventati ottimi amici, lui ateo, io prete, con il patto che non cercherò mai di convertirlo. La vocazione alla vita consacrata passa attraverso canali impensabili, magari arriva attraverso il cellulare!". "Allora non arrabbiarti, maestra, se lo teniamo sempre acceso!" conclude Matteo.
ANNA MARIA MUSSO FRENI
redazione.rivista@ausiliatrice.net


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2015 - 5  

|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


Visita Nr.