|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE / ARCHIVIO 2015
                             Spiritualità - Vita Spirituale - Pregare - Virtu' - Conversione - Giovani e fede - Feste ....

Il Diavolo e l'Acqua Santa, "Il Dio che non esiste"
Dialogo sulla preghiera

Parte Seconda: "Il Dio che non esiste"
(continua dal numero scorso… una signora semplice e un uomo elegante stanno discutendo mentre sono sull'autobus)
- Il principe dei miracoli… sembra un titolo per un romanzo per bambini…
- E invece è il tutto della preghiera…
- Il tutto della preghiera… Amo queste forme loquaci di ecclesiastichese. Lei è una suora…
- O no, glielo garantisco. Nulla in contrario sulla categoria ma proprio non è per me.
- Certo che non è per lei… quella vita non è per nessuno.
- Ah, su questo non avrei difficoltà a smentirla, sa? Ho detto che non sono una suora, non che non conosco tante: e molte sono tra le persone più libere e felici, soprattutto perché pregano tanto… per rimanere in tema… Lei mi sembra molto bravo a divagare dopo aver accennato ad un dubbio.
- In un'altra lingua si direbbe che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Allora, queste sue suore, per tornare in tema, conoscono il principe dei miracoli?
- Sono la prova vivente che esiste! Solo loro il principe dei miracoli: un cuore pieno di fede che quando prega non pensa di dover spiegare a Dio come far girare il mondo ma gli chiede la forza di camminare per la strada dove il Signore vuole condurlo.
- Ah, proprio uno spettacolo divertente. Cosa serve la preghiera se poi non posso nemmeno chiedere?
- Guardi che Dio non è un cameriere al nostro servizio.
- Su questo siamo d'accordo. È un Re Assoluto, un monarca disinteressato all'Universo che ha creato.
- E io pensavo che sulle suore ci fosse andato pesante…Anche il Padre Eterno proprio non la convince… eh?
- Diciamo che la mia è una reazione. Non solo al Padre Eterno, ma anche a certa predicazione…
- Ecco, ora attacca i preti.
- Preti, Papi, frati, di nuovo le suore, vescovi e cardinali. Tutti quelli che presentano Dio come fosse al telefono con ogni uomo e donna viventi ogni volta che questi starnazzano le loro pene d'animo.
- Non capisco perché un Dio del genere dovrebbe darle fastidio… Anche se non è sicuramente quello che ho in testa io.
- Perché Lui è il Padre. Non un cameriere appunto. Certo che le preghiere non vengono ascoltate. Nemmeno gli arrivano. Ma stiamo scherzando? Dio che ascolta i balbettii dello studentello la notte prima della maturità? O della ragazza grassa che Gli chiede di renderla bella… tsè… e questi che pretendono davvero di catturare la Sua attenzione. Non esiste quel Dio.
- L'uomo è una creatura fragile. Alza la voce e piange come un bimbo quando qualcosa lo spaventa. E' nella sua natura. Da millenni sulla terra ma non ha ancora imparato quasi nulla, ed è molto immaturo.
- Parli piano signora.
- Mi scusi?
- Dire che l'uomo è immaturo… Se la sentono alcuni atei progressisti, difensori dell'emancipazione a tutti i costi… Con quelli non potrebbe nemmeno accennare a questi discorsi. Loro ormai sono… liberi da Dio e da tutto quello che rappresenta.
- Lo dice quasi compiaciuto.
- Sono compiaciuto perché conferma la mia idea: l'uomo che prega un Dio scambiato per un super domestico sempre pronto ad esaudire ogni suo fiato è un uomo che ne sarà molto deluso e alla fine per rabbia comincerà a voler vivere senza di lui, fiero del suo sprezzante distacco da chi prima era convinto di adorare.
- Terribile destino per un uomo. E per un Dio. Ecco perché sono convinta che il Cielo abbia proprio altri colori.
(continua…

Diego GOSO
dondiegogoso@icloud.com


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2015 - 4  

|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


Visita Nr.