| HOME PAGE | ARCHIVIO FORMAZIONE CRISTIANA  | ARCHIVIO FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO |


ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE 2014:
                    Spiritualità - Vita Spirituale - Pregare - Virtu' - Conversione - Giovani e fede - Feste...


VITA SPIRITUALE : "Io sono una missione su questa terra" (Papa Francesco)

È uno degli aforismi di papa Francesco contenuti nella sua Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium (n. 273). Una frase tanto sintetica quanto significativa. E importante per ciascuno di noi.
Nella Apologia di Socrate il grande Platone fa dire al protagonista la celebre frase: "Una vita senza ricerca non merita di essere vissuta".
Nella vita dell'uomo ci sono tanti compiti da fare non solo quelli del periodo scolastico, tanti interrogativi a cui dobbiamo rispondere e non solo agli esami. Ma c'è una domanda assolutamente ineludibile alla quale non una volta soltanto ma durante tutta la vita dobbiamo dare una risposta: qual è il mio posto ed il mio compito nella storia del mondo? In parole ancora più forti: qual è la mia missione possibile? Questa è vera ricerca da fare, e non una volta soltanto. I genitori e gli educatori hanno il dovere di aiutare i giovani a rispondere a questa domanda, a far capire loro che ciascuno ha un compito da fare tutta la vita, una missione da realizzare. Altrimenti siamo delle persone inutili esistenzialmente e negative socialmente, perché gli altri non beneficiano della nostra presenza su questa terra.
Ancora Papa Francesco: "Bisogna riconoscere se stessi marcati a fuoco da tale missione di illuminare, benedire, vivificare, sollevare, guarire, liberare". Certo per fare tutto questo o meglio per impostare la propria vita come una missione (qualsiasi professione buona scegliamo di fare nella nostra esistenza) bisogna assolutamente sforzarsi di passare dalla cultura dell'io imperante in tanti settori della vita pubblica e privata alla cultura del noi, decidendo "nel profondo di essere con gli altri e per gli altri" al servizio degli altri per il loro bene senza servirsi degli altri per il nostro interesse.
Nella vita pubblica purtroppo abbiamo avuto cattivi esempi di gente che si è servita degli altri e della "cosa pubblica" e che hanno interpretato la propria missione in senso egoistico ed egocentrico arricchendo solo se stessi e impoverendo gli altri. Mentre invece siamo chiamati, se vogliamo vivere la nostra "missione", ad essere luce e benedizione, vita e liberazione per gli altri. Sull'esempio di Cristo che "passò dovunque facendo del bene" (At 10,38).

Mario SCUDU - archivio.rivista@ausiliatrice.net


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2014 - 5  
                      | HOME PAGE | ARCHIVIO FORMAZIONE CRISTIANA  | ARCHIVIO FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO |


Visita Nr.