| HOME PAGE | ARCHIVIO FORMAZIONE CRISTIANA  | ARCHIVIO FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO |


ARCHIVIO RIVISTA MARIA AUSILIATRICE 2014:
                        Spiritualità - Vita Spirituale - Pregare - Virtu' - Conversione - Giovani e fede - Feste...


VITA SPIRITUALE : Devozione al S. Cuore: Il Cuore del mondo

Quante volte abbiamo letto il giornale o visto il telegiornale e ci siamo alzati soddisfatti, contenti, con il nostro tasso di ottimismo in crescita? Le belle notizie erano così tante. Non è successo spesso, confessiamolo.
Viviamo in un mondo difficile, in una società complessa, con tanti piccoli o grandi egoismi, nazionali e individuali, che purtroppo si fanno la guerra. E fanno tante vittime, ogni giorno.
A volte ci sembra un mondo fatto di pura conflittualità e di non fraternità, di feroce arrivismo e non di onesta collaborazione: un mondo senza amore.
Eppure nel mondo ce n'è ancora tanto, testimoniato da milioni di donne e uomini di buona volontà, cristiani e non, che, con la loro bontà e coraggio, rendono questo mondo ancora abitabile.
Nel cristianesimo c'è un potente simbolo di questo amore che deve vivificare e animare il mondo: il Cuore di Cristo, chiamato anche il Sacro Cuore.
È una devozione che ha conosciuto alti e bassi, periodi felici e tempi di crisi. Oggi è tornata, è vissuta, è compresa, seguita e predicata.
Al centro di tutto c'è l'amore di Cristo per l'umanità, simbolizzata appunto nel suo Cuore trafitto, che dà ancora oggi la vita al mondo, lo alimenta e lo salva, anzi che è il vero cuore del mondo. Ha alla base questa grande verità espressa dall'apostolo Giovanni: "Dio ha tanto amato il mondo da donare il suo Figlio" (Gv 3,16). E il Cuore di Cristo rappresentato ferito, secondo il racconto della Passione (Gv 19,34) è un cuore trafitto per amore nostro, dell'umanità tutta.
Come ha scritto s. Bonaventura: "Attraverso la ferita visibile del cuore vediamo la ferita dell'amore invisibile". Invisibile ai nostri occhi di carne, ma sempre presente mentre dona la vita al mondo. Se non ci fosse questo amore rappresentato nel cuore di Cristo non ci sarebbe neanche l'universo con tutte le sue meraviglie, create per amore e donate all'uomo perché le sappia godere e custodire. S. Paolo ce lo ricorda: "Cristo tiene insieme tutto l'universo" (Col 1,17).
E il ricordo di questo amore donatoci ogni giorno e in mille modi deve spronarci ad essere anche noi una buona notizia per i nostri fratelli e sorelle in tutto ciò che facciamo o diciamo. Diventare anche noi un vangelo che gli altri possano 'leggere' e seguire per meglio vivere.
Lo sono stati tanti santi come S. Francesco, Don Bosco, Madre Teresa di Calcutta, s. Giovanni Paolo II, S. Giovanni XXIII, il sacerdote martire d. Pino Pugliesi. Diventiamolo anche noi.

Mario Scudu - archivio.rivista@ausiliatrice.net


Preghiera

O amore mio, Gesù dolce,
chi ti ha fatto venire dal cielo sulla terra? L'amore.
Chi ti ha fatto patire tanti e così terribili tormenti fino alla morte? L'amore.
Chi ti ha fatto lasciare te stesso in cibo all'anima tua diletta? L'amore.
Chi ti ha mosso a mandarci… per nostra fortezza e guida, lo Spirito Santo? L'amore.
                                                    (S. Caterina da Genova).


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2014 - 3  
                      | HOME PAGE | ARCHIVIO FORMAZIONE CRISTIANA  | ARCHIVIO FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO |


Visita Nr.