|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


 Maria di Nazarat - Mariologia - ADMA - Spiritualità - Devozione - Santuari - Esperienze
NOVENA NEL SANTUARIO DELLA CONSOLATA - TORINO

MARIA, MADRE DEI CONSACRATI -

Animatore: d. Sabino FRIGATO sdb, Vicario episcopale per la Vita Consacrata
GIOVEDI' 11.06.2015 - 1° giorno - San Barnaba
Atti degli apostoli 11,21b-26; 13,1-3 / Matteo 10,7-13
MARIA, MADRE DEI CONSACRATI

In questo primo giorno della novena della Madonna Consolatrice e Consolata, la Parola di Dio appena ascoltata è un parola "missionaria".
Barnaba è chiamato e mandato ad annunciare il Vangelo di Gesù. Nel Vangelo, Gesù chiama e manda i suoi discepoli.

La Parola ascoltata è parola missionaria anche per noi. Siamo mandati ogni giorno ad essere testimoni della nostra chiamata, della nostra consacrazione e sequela.

Domanda: "come" essere testimoni credibili in questo nostro tempo? Il "come" non è definito dall'ultimo teologo o da qualche illuminato, ma da Maria. E' lei l'icona della vita consacrata in quanto la prima consacrata.
In lei troviamo degli elementi irrinunciabili per un'autentica testimonianza di consacrazione.
Sono elementi evidenziati anche i diversi documenti ecclesiali del dopo concilio, che richiamo.
Una prima importante affermazione è questa: "E' soprattutto in Maria, madre di Dio e madre della Chiesa, che la vita religiosa giunge a comprendere se stessa in profondità e trova il suo segno di certa speranza".

Parole molto chiare che dicono: "tu religioso/a vuoi capire chi tu sei? Vuoi capire la tua identità?". Guarda a Maria; conosci Maria: "la più pienamente consacrata; il primo modello delle persone e delle comunità consacrate".
Il motivo di ciò? "Maria ha mostrato nella sua vita tutti quei valori cui si dirige la consacrazione religiosa. Per questo, Maria è la madre del religioso. E vengono indicati gli atteggiamenti spirituali che devono essere assunti dai consacrati:
- Maria è la vergine in docile ascolto del suo Signore.
- Maria è la vergine in preghiera fiduciosa
- Maria in piedi davanti alla croce del Signore.

1. Maria in ascolto della Parola di Dio. E' un ascolto
obbediente a Dio nella docilità dello Spirito Santo. E' questo ascolto che rinnova la freschezza del fiat di Maria, ma anche del "sì" iniziale della nostra consacrazione.
"Nel fiat … di Maria, la vita religiosa trova la pienezza del suo abbandono e il fremito della sua gioia nell'atto di consacrarsi".

2. Maria in preghiera. Nel magnificat scopriamo la
qualità della preghiera del consacrato/a:
- è una preghiera di lode, di gioia. E' il rendimento di grazie a Dio per le cose grandi che compie nella nostra vita e, attraverso di essa, nella Chiesa e nel mondo.
- E' una preghiera che riassume la nostra vita di consacrati, in quanto il Magnificat è il canto
di una Madre
di una Povera
di una Obbediente
di una Testimone della misericordia divina.

Nel magnificat di Maria scopriamo la nostra identità.
Ci scopriamo celibi/casti, ma fecondi nello Spirito.
Ci scopriamo poveri e obbedienti, perché liberi e liberati dall'amore del Signore.

3. Terzo atteggiamento spirituale di Maria è l'essere
ferma testimone ai piedi della croce: "Ella in piedi, intrepida davanti alla croce del Signore insegna la contemplazione della passione".
E' l'atteggiamento della fedeltà fino alla fine, nonostante tutto. E' l'atteggiamento della ferma testimonianza alla sequela di Gesù anche sotto il peso della croce, della fatica del vivere.
La fedeltà e la fermezza ci toccano tutti nelle diverse fasi della vita:
- quando seguire il Signore non dà gioia e sicurezza e la voglia di cercarle altrove diventa grande;
- quando seguire il Signore è anche accettare il tempo di mettersi da parte in silenzio a causa dell'età, della malattia, dell'inadeguatezza, dell'incapacità: e dentro ci si ribella e si soffre;

Maria è l'icona della ferma fedeltà al Figlio Gesù, anche quando non lo capisce e tutti lo rifiutano.
Per questo è aiuto anche alla nostra fermezza nel seguire Gesù fino alla fine.

Per quello che è stata e rappresenta, veramente Maria è icona e riferimento della nostra consacrazione.
E in quanto madre è anche madre dei consacrati. Madre premurosa nell'aiutarci e madre attenta al nostro cammino dietro a Gesù.

Non ci manchi mai il ricorso a Maria, madre di Gesù e madre nostra.


|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |

Visita Nr.