| HOME PAGE - ITALIANO | FORMAZIONE CRISTIANA  | FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO  |


  ARCHIVIO RMA 2013 : ADMA ON LINE : Messaggio mensile |aprile 2013
Maria aiuta la Chiesa a uscire da se stessa

Ho avuto la grazia e la gioia di essere presente in piazza S. Pietro all'annuncio dell'elezione e alla prima benedizione del nuovo papa Francesco. E' stata una grande sorpresa, segno dell'amore di Dio che sempre ci sorprende e della perenne novità della Chiesa. Ringraziamo Dio per il dono del nuovo Papa Francesco. Un Papa che ha iniziato il suo Pontificato recitando con noi le preghiere del buon cristiano e che ci ha chiesto di pregare per lui. In quel momento nella piazza c'era un silenzio incredibile e orante. Un Papa che, come suo primo gesto, è andato a chiedere l'aiuto della Madonna perché l'assista nel suo ministero di Vescovo di Roma, che presiede alla carità della Chiesa universale. Un Papa che si chiama Francesco e che vuole abbracciare tutti gli uomini come fratelli. Siamo grati a Maria Ausiliatrice e a San Giuseppe, patrono della Chiesa universale, per questo dono alla Chiesa e al mondo intero.
La Chiesa infatti sta attraversando un momento difficile, ma nel medesimo tempo pieno di promesse. La barca di Pietro è agitata da onde minacciose che fanno vacillare i deboli nella fede. La Madonna da tempo ci esorta a seguire i Pastori e a pregare per loro. Soprattutto in momenti come questi dobbiamo prendere coscienza della nostra appartenenza ecclesiale, perché la Chiesa è la nostra famiglia, senza la quale saremmo senza Dio e senza speranza in questo mondo. Dobbiamo essere santamente orgogliosi e grati per questa appartenenza e viverla come una grazia immensa. Essere fedeli alla Chiesa, amarla e aiutarla deve essere per noi non solo un dovere, ma anche e soprattutto una gioia. Diamo il nostro contributo al rinnovamento della Chiesa con la nostra santificazione personale. La Chiesa si rinnova nei cuori che si aprono a Dio e al suo amore. Facciamo risplendere Gesù Cristo nella nostra vita perché il mondo creda e si converta.
Con Maria viviamo la Chiesa pasquale: chiediamo a Lei, madre della Chiesa e Aiuto dei cristiani, che: "attraverso la contemplazione di Gesù Cristo aiuti la Chiesa a uscire da se stessa verso le periferie esistenziali per trasformarsi in madre feconda che vive la gioia dolce e confortante dell'evangelizzazione" (Card. Bergoglio, Congregazione generale marzo 2013). Facciamo nostre le espressioni rivolte a papa Francesco dal Rettor Maggiore don Pascual Chávez: "In questo momento mentre vogliamo esprimere la nostra gioia per la sua nomina, Le rinnoviamo la nostra fedeltà e assicuriamo il rispetto filiale ereditato da Don Bosco. Egli spesso si esprimeva con frasi cariche di affetto e di fede nei confronti del Successore di Pietro: "Chi è unito con il Papa, è unito con Cristo!" (MB VIII,567); "Saremo ossequiosissimi alla Cattedra Apostolica in tutto, in ogni tempo, in ogni luogo, dove ci chiamerà il Signore" (MB XV,249); "La preghiera del Papa è per me un comando" (MB V,874); "La sua parola deve essere la nostra regola in tutto e per tutto" (MB VI,494). Così parlava il nostro Fondatore Don Bosco e così vuole sentire il nostro cuore, oggi".

Don Pierluigi Cameroni SDB - Animatore spirituale - pcameroni@sdb.org


        ADMA ON LINE | 2013 - Messaggio Aprile  
      | HOME PAGE - ITALIANO | FORMAZIONE CRISTIANA  | FORMAZIONE MARIANA | INFO VALDOCCO  |


                                                                                                                            Visita Nr.