|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE   |  Archivio 2016
Salesiani DB | Giulio Valotti: il coadiutore architetto

A lui si devono tanti interventi e decorazioni della nostra basilica. Eccone un sintetico e affettuoso ricordo.

Ero ragazzo studente, qui a Valdocco, nel 1951. Con i compagni, terminato il pranzo, raggiungo il cortile "Don Bosco". Secondo la consuetudine trasmessa da Lui, sto salendo i gradini per entrare in chiesa e fare una visita a Gesù Eucarestia. Accanto a me sale pure, quel pomeriggio, il salesiano coadiutore Valotti Giulio: architetto, alto, dal volto leggermente allungato da un pizzetto scuro, tutto compreso in sé stesso. Sono trascorsi 65 anni e ora conosco tante sue notizie.
Quel pomeriggio il signor Giulio entra in chiesa, si inginocchia nella navata centrale e con il capo tra le mani, si raccoglie in preghiera. Alza gli occhi al Tabernacolo incastonato nel monumentale altare. Dopo, con gli occhi pieni di gioia, fissa la Vergine del maestoso quadro del pittore Tommaso Lorenzone (1824-1902).

Il monogramma MA

Il professore architetto continua la sua preghiera fissando il bellissimo volto di Maria incoronato. Il 17 maggio 1903 Le era stata infatti posta una ricca corona dal delegato del pontefice Leone XIII, il card. Agostino Richelmy, arcivescovo di Torino, a soli 35 anni dall'esposizione dell'immagine, contrariamente alla tradizione, che richiede almeno siano passati 100 anni. Questo ricordo suggerisce al signor Giulio di porre sopra le parti laterali del presbiterio eleganti pannelli incorniciati di bronzo con fondo di onice, il monogramma MA (Maria Ausiliatrice) ornato di corona regale, con una terza corona in cima al timpano in una splendida raggiera dorata. Maria è regina potente, ausiliatrice. Tutti i cristiani la invocano loro Madre.
Il nostro confratello conosce bene la storia della Chiesa. Sa che in tutti i secoli famosi santi hanno fondato ordini religiosi per tener desta la fede e la devozione a Maria. Per questo crede opportuno fissare sedici tondi bronzei con il volto dei santi sui due grandi architravi di sostegno, affinché ogni pellegrino che entra nel santuario possa vederli e ricordarli.

Dodici santi "mariani"

Tutto questo però non è sufficiente. Proprio all'altezza delle grandi tribune, vicino a Maria Santissima, da una parte e dall'altra del quadro, si vedono due arcatelle in marmo verde di Issorie (Châtillon, Valle d'Aosta) con lunette bianche scolpite in altorilievo, con due angioletti i quali sostengono gli stemmi della Pia Società di San Francesco di Sales e dell'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il signor Giulio ricorda benissimo che don Bosco considerò sempre queste due famiglie religiose, da lui fondate, come due monumenti viventi in ringraziamento e lode a Lei, l'Ausiliatrice.
Proprio lui, d'altra parte aveva manifestato al pittore Lorenzone il desiderio di vedere dipinto attorno alla Vergine un bel coro di santi innamorati di Lei e modelli per i fedeli. L'architetto perciò ricava su due pilastri di marmo prezioso, di dieci metri di altezza, 12 nicchie per porvi 12 santi "mariani". Il più antico è san Efren, l'arpa dello Spirito Santo, morto nell'anno 373, e la più recente è santa Bernardetta Soubiroux, la veggente di Lourdes.

La nuova cupola

Intanto il nostro Coadiutore fissa la statua di don Bosco, che è rappresentato con il braccio destro alzato per indicare Maria e sul sinistro porta in offerta un modellino della sua basilica. In quell'attimo rivede tutta la vita del Santo, il quale dichiarava sempre: "Tutto fu fatto da Maria; ogni pietra è una sua Grazia".
Nessuno può contare le notti insonni del Valotti, meditando e inventando tanti particolari, che poi realizza con tanto entusiasmo. Mai dimentica che quanto costruisce è la Casa di Maria. C'è bisogno di un tetto elegante! Ecco una nuova cupola di 12 metri di diametro, con sedici angeli che cantano le glorie di Maria, sempre con i titoli delle litanie lauretane. Ma se si esalta la Madre, non si può trascurare il Figlio. Egli, presente e vivo nel Santo Tabernacolo, è Bambino nelle braccia della Madre nel grande quadro e come Ostia Santa nel grande Ostensorio ai piedi della cupola. Il signor Giulio è soddisfatto della revisione del suo lavoro compiuto tredici anni prima. È stanco, ma vuole ammirare e pregare ancora.

La gioia, dopo la guerra

Subito la memoria gli presenta un terribile spettacolo di distruzione. L'8 dicembre 1942 una bomba piomba di fianco alla sua cupola, sbriciolando il "Teatro Vecchio" di don Rua. E lo spostamento d'aria manda in frantumi le belle vetrate delle due cappelle, che rappresentano salesiani famosi dei primi tempi. Poi, i disastri compiuti nei dintorni di Valdocco inducono il Rettor Maggiore, don Pietro Ricaldone, a mettere al sicuro i "tesori di tutti". Vengono quindi arrotolate le grandi tele di Tommaso Lorenzone e assieme ai sacri corpi di don Bosco, di madre Mazzarello, di Domenico Savio e di don Giuseppe Cafasso, portate in segreto fino ai Becchi di Castelnuovo. Immaginiamo la sofferenza del signor Giulio e quella dei fedeli. Poi, al nostro, sembra di rivivere quel 4 maggio del 1945, quando il quadro di Maria Ausiliatrice torna intatto al suo posto e così pure quello della Santa Famiglia. Il 13 maggio tornano le salme dei santi. La chiesa è di nuovo lei, affascinante, satura di devozione. I fedeli ritornano, cantano, chiedono grazie, ringraziano. E lui? Si rimette in ginocchio. Ringrazia e torna al suo lavoro. Il Signore gli concederà ancora due anni di vita. L'11 gennaio 1953, nella casa di Piossasco, andrà a trovarla, per rimanere con Lei, tanto amata, per l'eternità.


Teotimo VITTAZ sdb: redazione.rivista@ausiliatrice.net


RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2016 - 1

|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO SALESIANI DB VALDOCCO  |


                                                                                                                                                  Visita Nr. hhhhh