|  HOME | LITURGIA DOMENICA  |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO  |


Rivista Maria Ausiliatrice  |  Archivio RMA 2017


Comunicare in modo semplice, utile e profondo


Trovare le parole giuste affinché i discorsi raggiungano la mente e il cuore di coloro cui sono rivolti non è quasi mai una semplice questione di vocabolario

Anche se può sembrare la cosa più naturale del mondo, dal momento che bocca e orecchie sono tra gli organi che le persone utilizzano più frequentemente, comunicare non è sempre facile. Trovare le parole per affrontare un argomento scottante con il partner, per essere credibili e autorevoli nel dire un sì o un no ai figli, per convincere gli amici della bontà del proprio punto di vista richiede di rivolgersi agli altri in modo semplice, utile e profondo.

Mettersi nei panni di chi ascolta

Per raggiungere la semplicità è necessario provare a calarsi nei panni di chi ascolta, "accordare" il linguaggio e la complessità degli argomenti in base all'età e alle conoscenze dell'interlocutore. Un atteggiamento che le mamme conoscono molto bene e che viene loro naturale quando si rivolgono ai loro piccoli, ma che può non nascere spontaneamente in altre situazioni.
L'"ingrediente" fondamentale per una comunicazione efficace è - senza dubbio - l'amore, dal momento che quando si vuole bene a qualcuno è più facile trovare il modo di stabilire un rapporto di empatia. Altro elemento da non sottovalutare è aver chiaro ciò che si vuole dire e… dirlo senza troppi preamboli e giri di parole che possano sviare dal nocciolo del discorso. Il rischio, per chi non rispetta tale raccomandazione, è vedersi iscritto a buon diritto all'Ucas, l'Ufficio complicazione affari semplici, il cui motto recita: "Non esiste un affare così complesso e complicato che, con un po' di buona volontà, non si possa rendere ancora più complesso e complicato".

Mirare dritto al bersaglio

Per essere sicuri di comunicare in modo utile è necessario essere consapevoli dello scopo che s'intende raggiungere. La comunicazione utile, infatti, è quella che - con precisione di freccia scoccata dall'arco - centra in maniera inequivocabile il bersaglio.
Don Bosco, che aveva capito l'importanza della comunicazione e il giorno in cui celebrò la prima Messa chiese a Dio il dono di comunicare in maniera efficace, sapeva cosa dire ai ragazzi e come dirlo. Per trasmettere loro l'importanza e la bellezza della santità non si perdeva in lunghi e vuoti panegirici ma li esortava a stare allegri e a fare il proprio dovere. Li spronava, cioè, a raggiungere una meta ambiziosa attraverso una "ricetta" semplice, di cui conoscevano gli "ingredienti" perché - per quanto umili e poco istruiti - avevano sperimentato almeno una volta, nel corso della propria esistenza, che cosa significhi provare allegria e lavorare con perizia o studiare con profitto.
Una ricetta talmente alla portata di tutti da far esclamare a san Domenico Savio: "Ma come? È così semplice?".

La profondità dà spessore alla vita

La profondità - a differenza del pettegolezzo, del chiacchiericcio e del sentito dire - è uno stile di vita che ha il potere di modificare progressivamente l'esistenza e di renderla migliore. Frutto di un lavoro che la persona intraprende su se stessa, ne aumenta - nel corso del tempo - la consapevolezza di sé e del proprio operare.
In quest'ottica, la comunicazione profonda nasce da cose profonde. Negli ultimi anni della propria vita don Bosco confidava ai confratelli di continuare a scoprire nuovi modi per aiutare i ragazzi ad aprirsi all'incontro con Dio nella Confessione. Una chiara dimostrazione di come, nonostante l'età e l'esperienza accumulata, continuasse a interrogarsi su come svolgere al meglio la propria missione e offrire ai giovani un aiuto sempre più valido.
Indipendentemente dai risultati, perché l'interlocutore può sempre decidere d'interrompere il dialogo o di rifiutare il confronto, imparare a comunicare in maniera semplice, utile e profonda è un "investimento" sicuro e un'occasione di crescita e di maturazione interiore soprattutto per chi lo fa.


Ezio RISATTI SDB / redazione.rivista@ausiliatrice.net

Rivista Maria Ausiliatrice 2017 - 5

|  HOME | LITURGIA DOMENICA |  Archivo RIVISTA MARIA AUSILIATRICE | INFO  |


 Visita Nr. http://counter.digits.net/wc/-d/4/scudum