Home Archivio Rivista  MARIA AUSILIARICE  | INFO Salesiani DB Valdocco 


I SANTI
Essi saranno come stelle nel cielo:
splenderanno come il firmamento


Visibili a migliaia
come stelle ad occhio nudo, ma incomparabilmente più numerosi al telescopio
che raggiunge anche quelli senza aureola.
Vulcani incandescenti,
quasi fessure sul mistero del Fuoco trinitario.

Avventurosi romanzi
scritti dallo spirito Santo dove la sorprese è norma.
Esistenze del genere letterario io più vario
ma sempre affascinante: dallo stile di un dramma al sapore di una fiaba.

Classici della sintassi delle Beatitudini,
sempre convincenti grazie alla loro gaudiosa esistenza.
Cosmonauti dello spazio;
cui si devono le più ardite scoperte possibili solo a chi tanto si distanzia dalla terra.

Giganti così diversi da noi
come sempre lo è il genio, eppur concittadini della nostra stessa stoffa.
Soggetti ad errori ed insuccessi
ma uomini d'eccezione sempre: non vanno banalizzati
con la scusa di sentirli compagni di viaggio.

Segni dell'assoluta gratuità di Dio
che arricchisce ed eleva secondo i misteriosi criteri della Sua liberalità.
Hanno come loro residenza una pace inalterabile
al di sopra degli umani comuni conflitti, eppur sempre insoddisfatti
perché non cessano di tendere al più.

In orbita attorno all'essenziale
essi, i profeti dell'assoluto.
Grandi artisti
nella fucina del Bello, davanti a cui va in estasi il cuore umano.
Uomini e donne riuscite,
testimoni della segreta armonia tra natura e grazia.

Folli di Dio,
innamorati a tal punto da ereditare un vocabolario sconcertante.
I più lontani, per istinto, da ogni genere di colpa
e i più vicini, sempre ad ogni categoria di colpevoli.

Platee su cui il divino dà spettacolo
e umili spettatori essi stessi, grazie ad una spietata conoscenza del loro nulla.
Impegnati in un continuo nascondersi
e pur inevitabilmente luminosi come città collocate sopra il monte.

Portatori di messaggi eterni
al di là del tempo, del progresso, delle culture, delle razze.
Parole di fuoco
che il Signore pronunzia pe scuotere la nostra indolenza,
bacchettate che il Maestro Divino dà sul banco, per svegliare gli alunni distratti.

Miracoli viventi
davanti ai quali non si ha bisogno di esperti per accettare
la straordinarietà del Vangelo vissuto 'sine glossa'.
Eroicamente distaccati dall'umano
essi, specialisti al superlativo delle sfumature umane.

Veri maestri di psicologia
che per via dell'amore raggiungono le pieghe più recondite del cuore umano.
Capaci do far vibrare le nostre radici migliori.
Etoccando le corde di risonanza antica infondono nostalgia di futuro.

Come le stelle del cielo:
così diverse tra loro e in fondo, accese da un medesimo fuoco
.

Don Pasquale Liberatore, Salesiano,
fu Postulatore pe le Cause dei Santi (anni 1992-2003).


Home Archivio Rivista  MARIA AUSILIARICE  | INFO Salesiani DB Valdocco


Visita Nr.