SANTUARI DELLA PUGLIA - 4


Rodi Garganico (FG)

Santuario Santa Maria della Libera Diocesi: Manfredonia-Vieste.
Indirizzo: Via Madonna della Libera, 53.
Calendario: Festa patronale di Maria SS. della Libera il 2 luglio. Particolari devozioni a Santa Lucia, San Valentino, Santi Cosma e Damiano e Sant’Antonio.
Note: Nel santuario si tengono periodicamente concerti d’organo.

Nel luglio del 1453 un gruppo di cristiani approdò di fronte alla cittadina di Rodi Garganico e scoprì su un masso un quadro della Madonna, venuto dal mare. I rodiani iniziarono a venerarlo con il nome di Maria Santissima della Libera. Ebbe così origine il Santuario di Santa Maria della Libera. L’attuale chiesa risale alla prima metà del Settecento, successivamente si è intervenuti per completare la costruzione nel 1826, nel 1911 e ancora oggi. Il quadro è una pittura bizantina su legno: la Vergine siede maestosa e il Bambino, in piedi, è appoggiato sul ginocchio sinistro; nella mano destra tiene un laccio a cui è legata una colomba, per questo il dipinto è chiamato “Vergine della Colomba” ed è conservato sul Sacro Sasso.

San Giovanni Rotondo (FG)


Nuovo santuario Beato Padre Pio  Frati Minori Cappuccini / Diocesi: Manfredonia-Vieste.
Indirizzo: Viale dei Cappuccini.
Calendario: Vivissima è la devozione mariana. Il 31 maggio si tiene la processione della Vergine. Dall’1 al 10 agosto, novenario in preparazione dell’Ora sacerdotale di Padre Pio. Dal 14 al 23 settembre, novenario per il transito di Padre Pio.

Note: Uno degli archi che reggono la volta del nuovo santuario dedicato a Padre Pio ha una luce di 50 m e un’altezza di 16: è il più grande arco portante di pietra mai realizzato.
La costruzione del convento dei padri Cappuccini iniziò nel 1538 e i frati ne presero possesso due anni dopo. Il 28 luglio del 1916 giunge sul posto Padre Pio da Pietrelcina e da allora la storia del convento è strettamente legata alla sua vita. Il santuario comprende la vecchia chiesina e la basilica. La chiesa antica risale al 1540, mentre la costruzione della nuova basilica, opera dell’architetto Giuseppe Gentile, iniziò nel 1956.
Oggi si sta costruendo, in memoria della beatificazione di Padre Pio (2 maggio 1999), il nuovo santuario a lui dedicato. La costruzione, progettata dall’architetto di fama mondiale Renzo Piano, potrà ospitare 7.200 fedeli seduti all’interno e 30.000 pellegrini nelle occasioni solenni. Il tempio raffigura una grande conchiglia, audace ed elegante allo stesso tempo. Il santuario è a tre navate: quella centrale è dominata da un grande mosaico che raffigura
la Madonna delle Grazie fra gli angeli. Mentre nelle navate laterali, sugli altari, troviamo otto mosaici eseguiti dalla scuola vaticana. Sul matroneo, a destra dell’altare maggiore, è situato un grandioso organo. Al centro del presbiterio è stato posto l’altare sul quale Padre Pio celebrò l’eucarestia dal 1959 alla sua morte. Nella cripta è stata collocata la tomba del beato tanto amato dalla gente.
L’antica chiesa possiede una graziosa lunetta che rappresenta la Madonna con il Bambino, San Francesco e San Michele Arcangelo. All’interno è custodito l’altare di San Francesco sul quale Padre Pio ha celebrato la Santa Messa dal 1945 al 1959. A sinistra è collocato il confessionale del grande cappuccino.
Sull’altare maggiore, in pietra locale di Montenero, si trova l’effigie miracolosa della Madonna delle Grazie, protettrice di San Giovanni Rotondo, con ai lati San Giovanni Battista e San Paolo. Il dipinto, un olio su tela, risale alla metà del Cinquecento.
Nel coro della vecchia chiesina si trova il crocifisso di fronte al quale, il 20 settembre 1918, il beato Padre Pio ottenne le stigmate.

Monte Sant’Angelo (FG)


San Michele Arcangelo Padri Michaeliti Diocesi: Manfredonia-Vieste.
Indirizzo: Via Reale Basilica, 121.
Calendario: L’8 maggio e il 29 settembre si festeggia san Michele.

Note: Il tempio è uno dei più antichi santuari cristiani. È a circa 800 metri sul mare, alle pendici del Gargano.

Fu edificato nel 493 da Lorenzo Maiorano, vescovo di Siponto, di fronte ad una grotta dove gli apparve per tre volte l’arcangelo Michele.

 Mesagne (BR)


Santuario Beata Vergine del Carmelo / Frati Carmelitani Scalzi /Diocesi: Brindisi-Ostuni.
Indirizzo: Piazzale San Michele Arcangelo, 5.

Calendario: Come ringraziamento per la protezione dal terremoto del 1743 si festeggia la Madonna il 20 febbraio.

Il 16 luglio si festeggia invece la Vergine Santissima del Carmelo.


Note: Il santuario, edificato nel 1305, sorse su una grotta di origine naturale che nel VI secolo fu trasformata in cripta, dedicata a san Michele Arcangelo. I Carmelitani fondarono il monastero e ampliarono la chiesa. Il tempio è in stile gotico-normanno.

                                                                                    Cristina Siccardi


IMMAGINE:
1 SAN GIOVANNI ROTONDO : La prima Basilica, opera dell'architetto Giovanni Gentile
 2 SAN GIOVANNI ROTONDO : La Madonna delle Grazie, Patrona di San Giovanni Rotondo /  

 3 MONTE SANT'ANGELO: Santuario di SAN MICHELE (GROTTA APPARIZIONI)
 4 MESAGNE: Santuario della Beata Vergine del Carmelo

RIVISTA MARIA AUSILIATRICE 2001-5
VISITA Nr.