HOME PAGE - ITALIANO
/ FORMAZIONE CRISTIANA  / FORMAZIONE MARIANA / INFO VALDOCCO


         SANTUARI MARIANI:
     
LIGURIA - 1

 ALBISOLA SUPERIORE (SV)



Santuario Madonna della Pace / Dehoniani
Indirizzo: Via della Pace, 301 / Tel. 019.48.99.02 / Diocesi: Savona-Noli.
Calendario: Il 18 di ogni mese viene ricordato, con una
funzione religiosa, il fatto prodigioso. Il 18 ottobre, Messa solenne e processione. Il 1º gennaio viene celebrata la giornata mondiale della Pace con un pellegrinaggio diocesano.

Note: L’Oasi di spiritualità dispone di una cinquantina di camerette a uno o due letti e ampi spazi che favoriscono momenti di preghiera e raccoglimento. Sono accolte persone singole e gruppi solo per motivi spirituali; sacerdoti e religiosi anche per momenti di riposo.

Correva l’anno 1482 e le popolazioni di Albisola e di Stella si dichiaravano guerra. La battaglia ebbe inizio il 18 ottobre al confine fra i due comuni.

Ma, proprio all’inizio del conflitto, apparve in cielo una nube splendente, dalla quale uscì una voce materna che disse: «Pace! Pace! Pace!». Al verificarsi di quel prodigio vennero gettate a terra le armi e sullo stesso luogo fu edificato un Santuario in onore della Madonna.

La costruzione del Santuario della Pace passò per tre stadi successivi. Dapprima fu costruita una piccola cappella (l’odierna cripta) nella quale venne dipinta l’immagine della Madonna della Pace che oggi si trova all’interno del Santuario. Nel 1578 fu eretto il Santuario (consacrato nel 1716) con le tre navate e la facciata rivolta verso il mare. Nel 1881, a causa dell’allargamento della strada provinciale, fu demolito parzialmente e ricostruito con una facciata molto sobria.

Il Santuario è diviso da tre pilastri in tre navate di tre campate ciascuna, con numerose decorazioni, affreschi, simboli e quadri. Sulla volta sono dipinte due scene, di cui la prima rappresenta lo scontro fra i combattenti e la seconda i Santi patroni dei due paesi: San Nicolò (Albisola) e San Giovanni Battista (Stella), opera del pittore bergamasco Pietro Baggi. Nelle pareti del presbiterio e dell’abside troviamo alcuni quadri in tela: un crocifisso attribuito ad Antonio Van Dyck; una Madonna con Bambino e San Rocco; la Madonna della Cintura; un’Annunciazione di Giovanni Battista Paggi; una Sacra Famiglia.

Nella navata destra una nicchia a mosaico con statua del Sacro Cuore in bronzo. La navata sinistra è la cappella con l’affresco della Madonna della Pace, portato qui dalla cripta: rappresenta la Vergine seduta con in grembo il Bambino che tiene in mano un ramoscello di palma. Venne incoronata nel 1852. Il soffitto della cripta è coperto da un pregevole affresco rappresentante la Vergine Assunta in cielo fra uno stuolo di angeli e, nella parte superiore, la Santissima Trinità. Nella nicchia troviamo una statua in marmo della Madonna della Pace con in braccio il Bambino e nella destra un ramoscello di palma.

Diversi ordini religiosi si sono succeduti nella custodia del Santuario, che divenne centro di preghiera e di devozione alla Madonna. Dal 1919 è convento e noviziato dei Padri dehoniani o Sacerdoti del Sacro Cuore. Il Centro di spiritualità è chiamato «Oasi Madonna della Pace».


  ARENZANO (GE)

Santuario di Gesù Bambino di Praga / Frati Carmelitani Scalzi
Indirizzo: Piazzale Santo Bambino, 1 / Tel. 010.91.27.386 / Diocesi: Genova.
Calendario: Oltre il Santo Natale si festeggia principalmente la prima domenica di settembre, solennità annuale di Gesù Bambino, con processione, bacio della statuetta, benedizione dei bambini. Festa dell’Epifania, Santa Messa di Capodanno, Ascensione, Madonna del Carmine (16 luglio), Santa Teresa di Gesù (15 ottobre) e San Giovanni della Croce (14 dicembre).
Note: Nel Centro culturale Sala Teresiana si tengono varie attività: conferenze, tavole rotonde, saggi musicali, concerti. Ogni anno viene organizzato un «Concorso Internazionale Piccoli Artisti» di disegni sul Natale per i ragazzi delle scuole elementari e medie di tutto il mondo. Inoltre l’accoglienza ai pellegrini è assicurata da ampi parcheggi, servizio bar, sala pellegrini con parco per colazione al sacco e da ristoranti e alberghi in prossimità del Santuario.

La devozione al Gesù Bambino di Praga ha origine proprio a Praga, quando, nel 1628, la principessa Polissena Lobkowitz offrì in dono ai Carmelitani Scalzi della Chiesa di Santa Maria della Vittoria una statuina in cera di Gesù Bambino, abbigliata con abiti regali alla foggia spagnola del XVII secolo. Da allora il culto al Piccolo Re si diffuse nel mondo intero per opera dei Carmelitani figli di Santa Teresa d’Avila, devotissima di Gesù Bambino. Diffusosi anche in Italia, il culto giunse ad Arenzano all’inizio del XX secolo.

Nell’umile chiesetta del Convento, fondato nel 1889, il priore di allora, il 25 settembre 1900, espose alla devozione dei fedeli un piccolo quadro oleografico di Gesù Bambino di Praga, sostituito il 2 giugno 1902 da una statua del Piccolo Re, facsimile di quella praghese. Il 16 ottobre 1904 fu posta la prima pietra del Santuario, inaugurato il 6 settembre 1908 e solennizzato con l’incoronazione della statua di Gesù Bambino il 7 settembre 1924. Nel 1928 avvenne la solenne consacrazione del tempio, insignito da Papa Pio XI del titolo di Basilica minore. Nel 1937, sul piazzale antistante al Santuario, a ricordo dell’incoronazione del 1924, fu eretta una colonna con statua di Gesù Bambino in bronzo dorato. Fra il 1962 e il 1965 venne realizzato un ampliamento della chiesa con la costruzione dell’abside, di due ali laterali (transetto) e del nuovo campanile, alto 43 metri e dotato di 12 campane. Infine, nel 1991, è stata portata a termine la nuova sistemazione del presbiterio e del tabernacolo.

La facciata, opera dell’architetto Castellucci, è stata inaugurata il 25 agosto 1929 e si ispira allo stile rinascimentale. Ai lati si aprono due piccoli chiostri dedicati alla Vergine del Carmelo e a Santa Teresa di Gesù Bambino. All’interno il Santuario si presenta a croce latina con un’unica navata e due ali laterali (transetto) e volte a botte. Sulla navata si aprono sei cappelle. La decorazione a stucco che riveste completamente i muri è di tipo classico-rinascimentale.
Nel catino absidale, sopra il trono marmoreo di Gesù Bambino, è dipinto un grande affresco, raffigurante l’umanità afflitta e bisognosa che si rivolge supplicante al Piccolo Re: è opera del pittore Renzo Bonfiglio.

Sulle pareti interne e sui soffitti si possono ammirare le grandi sculture maiolicate di Angelo Biancini di Faenza e diversi affreschi, in particolare quelli di Marigliani. Di notevole pregio è il rosone centrale della facciata e le altre vetrate, fra le quali spiccano quelle asimmetriche moderne. Nel coro è posto il grande organo della ditta Mascioni.
Sotto la chiesa, in una grotta artificiale, è allestito in permanenza il Presepio artistico in ceramica di Albisola (SV), opera dell’artista Salino.

                                                                                 
Cristina Siccardi 
        

IMMAGINI:
1  
Il Santuario della Madonna della Pace immerso nel verde dei colli di Albisola..
L’immagine della Santa Famiglia venerata ad Albisola. La Vergine è stata incoronata nel 1852.
Il Santuario del Bambin di Praga ad Arenzano.
4  La devozione al Bambin di Praga venne propagata dai Padri Carmelitani che ricevettero in dono una statua di cera da parte della principessa Lobkowitz. 



       RIVISTA MARIA AUSILIATRICE  2007 - 7
       HOME PAGE - ITALIANO  /  FORMAZIONE CRISTIANA   /  FORMAZIONE MARIANA  /  INFO VALDOCCO
     
      VISITA Nr.