SANTUARI MARIANI
EMILIA ROMAGNA / 7

FIORANO (MO)

Santuario Beata Vergine del Castello/ Indirizzo: Via Santuario, 28
Tel.: 0536.83.00.42 / Diocesi: Modena-Nonantola.
Calendario: La festa del Santuario cade l’8 settembre, natività di Maria.
Note: In Santuario si tengono concerti e conferenze. Inoltre c’è una Casa di esercizi, gestita da un ente diocesano.

Il Santuario sorge a 18 chilometri da Modena, sulla cima del colle di Fiorano dove, fino al 1510, c’era un antico e famoso castello. Il Santuario custodisce la prodigiosa immagine della Madonna, la quale, dipinta sul portone esterno del castello fin dal 1460, restò intatta per molti anni, nonostante le intemperie e le vicissitudini dei tempi. Nel 1558, distrutto il castello, l’immagine rimase prodigiosamente indenne. Altri prodigi avvennero, quando, nel 1630 e nel 1855, il popolo di Fiorano rimase incolume dalla peste prima e dal colera poi.

Nel 1631, si erige un primo oratorio, in seguito una chiesa. Il 12 ottobre 1659, l’immagine della Beata Vergine del Castello è traslata nel Santuario, costruito su disegno di Bartolomeo Luigi Avanzino. Nel 1934, ottiene il titolo di Maria Mediatrice di tutte le Grazie.

La facciata principale del Santuario è in stile barocco, inaugurata l’8 settembre 1889 e ha particolari comuni con la chiesa della Trinità dei Monti di Roma, con i suoi due campanili inseriti nella facciata. L’interno è a croce greca, con cupola centrale, affrescata da Sigismondo Caula e Adeodato Malatesta (1865).

È ricco di marmi preziosi e di artistiche decorazioni. L’affresco della volta, sopra l’altare maggiore, rappresenta Maria in gloria (1907). Nel 1932 sono state costruite due scale laterali per giungere all’immagine venerata, rappresentante la Madonna con Bambino. Alla base della cupola centrale vi sono quattro pennacchi che rappresentano i patriarchi: Abramo, Isacco, Giacobbe e Davide, dipinti nel 1681.


FONTANELLATO (PR)

Santuario Madonna del Rosario / Frati Domenicani
Diocesi: Parma / Tel.: 0521.82.11.15
Calendario: Si celebrano le solennità dell’Assunta, il 15 agosto e del Santo Rosario, la prima domenica di ottobre.

Il paese di Fontanellato è legato ai conti Sanvitale, che vi risiedettero per molto tempo. Nel 1512, la contessa Veronica Sanvitale, chiamò i frati domenicani per l’assistenza spirituale ai sudditi che abitavano fuori le mura del borgo fortificato.
Accanto all’oratorio di San Giuseppe, già esistente, i domenicani costruirono un convento (1518). Nel 1615 fecero eseguire da un artigiano di Parma una statua in legno che fu poi rivestita con panni preziosi ed esposta al culto nel piccolo Santuario, in cui era molto sentita la devozione del Rosario. Nel 1628, avvenne il primo miracolo e nel 1630 la liberazione dalla peste. Nel 1634, in segno di riconoscenza fu iniziata la costruzione di un Santuario più vasto.

Terminata la chiesa (1660) fu costruito un convento in piena regola, ultimato verso il 1700. Numerose furono le grazie ottenute dalla Vergine, fra le quali la guarigione del piccolo Andrea Ferrari, poi Cardinale e Arcivescovo di Milano e del chierico Guido Conforti, Vescovo di Parma e fondatore dei Missionari Saveriani. Nel 1817, a causa delle leggi napoleoniche che eliminarono la presenza dei frati, giunsero al convento le suore domenicane.
Nel 1929, sorge la Casa del Fanciullo per l’assistenza agli orfani e ai bisognosi. Nel 1965, venne rifatto il nuovo convento dietro la chiesa, terminato nel 1980.

Il Santuario ha pianta a croce latina, ad unica navata, fiancheggiata da quattro cappelle laterali, con decorazioni del XVIII secolo. Il presbiterio è coperto da un’alta cupola che sovrasta l’altare maggiore, dietro al quale si innalza l’edicola che accoglie la statua lignea della Madonna del Rosario del 1615. Il tempietto (1650) fu costruito su disegno del cremonese Carlo Natali. L’immagine rappresenta la beata Vergine con il Bambino in braccio e la corona del Rosario in mano. Sull’arco di trionfo che separa il presbiterio dalla navata, sono rappresentati i quindici misteri del Rosario. La statua fu solennemente incoronata il 15 agosto 1660.

A lato del piazzale antistante il Santuario si trova il monumento bronzeo dedicato al cardinale Ferrari, opera di Amleto Castaldi. Nel 1925, a riparazione di un furto perpetrato due anni prima, fu posto sul capo della Vergine un nuovo diadema.

                                                                                          Cristina Siccardi


IMMAGINI:
1-2
 Facciata e interno del Santurio di Fiorano (Modena)
3  La Beata Vergine dle Castello
4-5 Santuario di Fontanellato
 Immagine della Madonna venerata nel Santuario di Fontanellato
RIVISTA MARIA AUSILIATRICE 2005-2
VISITA
 Nr.